ALTA INTENZIONE

Abruzzo, Enel investirà 200 milioni in 4 anni nella rete elettrica

Previsto potenziamento dei tratti maggiormente esposti alle criticità meteo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

159

Abruzzo, Enel investirà 200 milioni in 4 anni nella rete elettrica

ABRUZZO. L’Istituzione di un tavolo permanente per individuare e risolvere criticità sul territorio, investimenti sulla rete elettrica per oltre 220 milioni di euro nel periodo 2015 - 2019, sottoscrizione di un Protocollo con la Protezione Civile Regionale.

Sono questi i risultati del percorso avviato dal presidente della Regione, Luciano D'Alfonso e da Enel a valle dell'emergenza neve dello scorso Marzo, annunciati questa mattina dallo stesso presidente e dal direttore Enel Italia, Carlo Tamburi.

All'incontro, che si è svolto a L'Aquila, erano presenti i sindaci dei Comuni maggiormente colpiti dall'emergenza, l'assessore regionale alla protezione civile, Mario Mazzocca e i rappresentanti di Associazioni di Consumatori. In particolare, Enel Distribuzione ha annunciato di aver integrato il proprio piano di investimenti già previsto sul territorio con attività che vanno ben oltre la ricostruzione delle linee danneggiate, già in corso.

Sono previsti, infatti, secondo quanto ha riferito Tamburi, il potenziamento dei tratti maggiormente esposti alle criticità meteo, in alcuni casi anche attraverso la completa sostituzione degli impianti, nonché la realizzazione di nuove cabine secondarie su tutto il territorio e di tre nuovi Impianti Primari a Fossacesia, nella Val di Sangro e a Basciano. Solo per il 2015 verranno investiti complessivamente 46 milioni di euro sul territorio regionale; ammontare che sale fino a oltre 200 milioni di investimenti se si considera che tale somma verrà annualmente impiegata da ENEL fino al 2019.

Per quanto riguarda il Tavolo permanente, che è stato proposto dal Presidente D'Alfonso, verrà avviato un confronto costante e positivo tra Enel, Regione, Province e Comuni con l'obiettivo di collaborare per il territorio prevenendo criticità e individuando reciproche necessità di interventi.

Il presidente ha lanciato anche la proposta di avviare, in sinergia con la Protezione Civile regionale, azioni di formazione operativa con simulazioni di emergenze per rafforzare ulteriormente la preparazione nella gestione coordinata delle criticità. Nel corso dell'incontro sono state anche illustrate le modalità di intervento adottate da Enel nel corso dell'emergenza e i sistemi di calcolo degli indennizzi che vengono erogati ai clienti che hanno subito interruzioni di durata particolarmente prolungate. Il dato complessivo per i clienti abruzzesi è pari a 26 milioni di euro.

«Ringraziamo Enel», ha detto D’Alfonso, «per la rapidità nella gestione degli indennizzi, per la quale mi farò promotore di una delibera di encomio. Anche in casi di procedure previste per legge come questa, non è mai scontata la corretta e puntuale gestione, specialmente quando ci sono numeri così elevati».

Secondo il presidente della Regione il confronto avviato durante l'emergenza ha portato ad una serie di richieste da parte della Regione cui Enel ha risposto presentando un dettagliato piano di interventi: «ho chiesto all'Azienda elettrica una ulteriore forma di collaborazione per favorire la dislocazione preventiva di Gruppi Elettrogeni nelle aree più critiche, tema su cui valuteremo insieme le migliori soluzioni».

«La situazione di marzo è stata eccezionale e l'obiettivo condiviso con la Regione è far sì che le sue conseguenze sulla rete elettrica non possano ripetersi in futuro» ha detto Carlo Tamburi, direttore Enel Italia.

«Ringraziamo il presidente D'Alfonso, che ha anche favorito il filo diretto con tutte le istituzioni del territorio, nella certezza che la nuova sinergia che si è creata saremo pronti ad affrontare eventuali emergenze con più forza, grazie al potenziamento della rete elettrica, lavorando sulla prevenzione e rafforzando il coordinamento con tutti gli attori coinvolti».

A margine dell'incontro, l'assessore Mazzocca ha dichiarato di aver chiesto ad Enel di effettuare una analisi logistica estesa ai mezzi, alle risorse umane e a quelle tecnologiche (gruppi elettrogeni in qualità e quantità sufficiente) e la formazione di un database o piattaforma che permetta alle squadre di tecnici di operare senza l'affanno di chiedere ai comuni l'ubicazione delle cabine elettriche e delle località dove è localizzato il danno. In secondo luogo Mazzocca ha evidenziato la necessità di conoscere in tempo reale i dati previsionali sul ritorno della fornitura elettrica e ciò affinchè le istituzioni possano informate e sensibilizzare la popolazione colpita dai disagi conseguenti la disalimentazione elettrica. L'assessore alla PC, ha poi avuto parole di ringraziamento nei confronti delle tecnici che hanno operato in condizioni difficili per il ripristino della fornitura e per l'intero sistema di protezione civile regionale.