AMBIENTE

Natura, nasce ad Alba Adriatica la spiaggia del Fratino e del Giglio di Mare

Venerdì prossimo l’iniziativa del Wwf Abruzzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1102

Natura, nasce ad Alba Adriatica la spiaggia del Fratino e del Giglio di Mare

ALBA ADRIATICA. Venerdì prossimo, organizzato dal Wwf Teramo, dal Comune di Alba Adriatica e dall’Area Marina Protetta “Torre di Cerrano”, si terrà il Fratino day, una giornata di volontariato e di educazione ambientale per la tutela di questo piccolo uccello limicolo che nidifica sulle spiagge abruzzesi e che è protetto da leggi nazionali e convenzioni internazionali.

Nel corso della giornata, alla quale prenderanno parte i ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Alba Adriatica, verrà delimitato un tratto di spiaggia dove è stata segnalata la presenza del Fratino (Charadrius Alexandrinus) e del Giglio di mare (Pancratium Maritimum), elementi che un tempo caratterizzavano la costa abruzzese e che oggi sono in forte diminuzione a causa dell’azione dell’uomo. I volontari del Wwf e gli operatori dell’Area Marina Protetta “Torre di Cerrano” guideranno insegnanti ed alunni delle classi aderenti alla scoperta dell’habitat costiero anche attraverso un’operazione di pulizia della spiaggia condotta senza mezzi meccanici proprio al fine di tutelare le presenze di fauna e flora.

Con l’occasione sarà così creata la “Spiaggia del Fratino e del Giglio di mare”, un elemento di tutela e valorizzazione che potrà caratterizzare ulteriormente l’offerta turistica di Alba Adriatica.
«Su suggerimento del Wwf Teramo», spiega Fabiola Carusi, «il Comune di Alba Adriatica ha destinato un tratto di spiaggia libera tra lo stabilimento Copacabana e lo stabilimento Marechiaro alla tutela del Fratino e del Giglio di mare, visto l’elevato valore conservazionistico determinato dalla presenza di entrambe le specie e di habitat legati alla riproduzione del Fratino. Si tratta di un’iniziativa molto importante, sia per la tutela del tratto in questione, sia perché speriamo che possa essere da stimolo a tutti gli altri comuni costieri abruzzesi ai quali, all’inizio di marzo, il Wwf ha inviato una lettera per invitarli ad assumere azioni di tutela per il Fratino».

Il sindaco, Tonia Piccioni, ha dichiarato: «il progetto di tutela del Fratino è per l’amministrazione che rappresento un vero motivo d’orgoglio, poiché la riqualificazione dell’ambiente e la tutela della fauna e della flora autoctone sono tra gli obiettivi del nostro progetto amministrativo. Questa iniziativa, anche con la partecipazione degli istituti scolastici albensi, contribuisce a valorizzare l’ambiente e a promuovere un nuovo turismo ecocompatibile».

«Dall’avvio del progetto nel 2011, la popolazione nidificante di Fratino è aumentata di anno in anno», ha spiega il presidente dell’AMP, Benigno D’Orazio. «L’incremento è dovuto non solo all’attività condotta dalle Guide del Cerrano e da numerosi volontari, che da marzo a luglio hanno periodicamente indagato le spiagge della provincia di Teramo al fine di individuare e proteggere i nidi della specie, ma anche ad una efficace educazione ambientale attuata durante le visite alla Torre, gli incontri con gli operatori del settore turistico, le lezioni con le scuole, ecc. Obiettivo di questa iniziativa è proprio quello di diffondere le buone pratiche pure al di fuori dei confini dell’AMP; il nostro know how incontra così l’esperienza del WWF e la progettualità del Comune di Alba, impegnato a sostenere una politica attenta e rispettosa dell’ambiente».

L’appuntamento è fissato per le ore 9 di venerdì 24 aprile presso il Lungomare Marconi di Alba Adriatica alla Rotonda antistante lo stabilimento Copacabana.