EMERGENZA TERRITORIO

Danni da maltempo, Montesilvano chiede alla Regione 4 mln di euro di risarcimenti

Rassicurazioni di D’Alfonso sui soldi per dissesto idrogeologico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1310

STRADA FRANA DISSESTO

MONTESILVANO. Ammontano a oltre 4 milioni di euro i risarcimenti per i danni subiti con l’ondata di maltempo del 5 e 6 marzo, richiesti alla Regione Abruzzo dal Comune di Montesilvano.

Nello specifico sono quasi 100.000 euro le somme per le quali i Montesilvanesi hanno presentato richiesta, di cui 32.850 da parte dei titolari delle attività commerciali e 66.800 € da parte dei privati.
Ad essi si aggiungono circa 63.000 € per le spese sostenute dal Comune per risolvere le primissime urgenze in parchi, giardini, frane, per acquistare i beni di prima necessità della Protezione Civile e per liberare alcune condotte ostruite.
Oltre 480.000 euro sono le somme sostenute per gli interventi di ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche.
«Tra questi interventi – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Valter Cozzi – rientrano le operazioni di recupero di materiali spiaggiati sul litorale e il loro successivo smaltimento, per un totale di oltre 180.000 € e interventi di varia urgenza per la pulizia delle strade, i ripristini dei pozzetti, il riempimento di alcune buche sulle strade, e interventi sulle alberature a rischio crollo, che ammontano a quasi 55 mila euro». Sempre in queste somme si inseriscono anche le spese sostenute per le operazioni di primissimo contenimento dei movimenti franosi di via Tommaseo (190.968 €), via Lugano (9.708 euro) e via Colle Fiorito (41.686 €).

Nella richiesta alla Regione sono stati anche inseriti gli interventi programmati per la mitigazione del rischio idrogeologico che ammontano a quasi 3 milioni di euro; quelli per la sistemazione dell’argine lungo il fiume Saline e della strada franata sempre sul lungofiume per un totale di 440.000 €; e le operazioni per la riparazione di strutture pubbliche danneggiate come il Mercato Ittico per un totale di 25.000 euro.

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO, NUOVE RASSICURAZIONI
Intanto ieri in Consiglio regionale per la quarta volta il presidente D’Alfonso e l’assessore regionale Mazzocca hanno ‘rassicurato’ il capogruppo di Forza Italia, Lorenzo Sospiri, sull’erogazione di fondi per affrontare il gravissimo dissesto idrogeologico del Comune di Montesilvano.
«Questa volta», spiega il consigliere regionale, «sarebbe disponibile, solo per la quinta città d’Abruzzo, 1milione di euro, che dovrebbe arrivare entro 6 o 7 settimane. Attenderemo questa nuova scadenza, sperando che non si tratti dell’ennesima bugia, e ovviamente vigilando sull’effettiva assegnazione della disponibilità finanziaria che oggi rappresenta un’urgenza».

La tragedia della collina di Montesilvano – ha spiegato in aula il capogruppo Sospiri – riguarda alcune migliaia di persone lambite dalla frana e una strada provinciale. Quando il presidente D’Alfonso ha iniziato a occuparsi del problema delle frane, il 29 agosto 2014, ha inviato una lettera al Direttore della Struttura di Missione contro il Dissesto Idrogeologico e per lo sviluppo delle Infrastrutture idriche, Mauro Grassi, riconoscendo che il problema a Montesilvano era gravissimo, e ammettendo la necessità di un finanziamento, individuato attraverso una ricognizione del Genio, ricognizione in cui vi erano delle criticità evidenti.
L’atto successivo è stata la distribuzione di 4milioni 400mila euro, in undici interventi, ciascuno per una somma di 400mila euro, ma escludendo la città di Montesilvano.
Il 9 dicembre 2014 Sospiri ha inviato una nota al presidente della Regione chiedendo conto del cambio di programmazione che modificava le emergenze indicate dal Genio Civile polverizzando le risorse in micro-interventi, e il presidente ha risposto assicurando che oggettivamente il problema c’era, sarebbe stato risolto e che nella successiva programmazione avrebbe trovato il giusto finanziamento anche il comune di Montesilvano.
«L’auspicio», commenta Sospiri, «è che la rassicurazione arrivata martedì in Consiglio regionale non sia l’ennesima bugia ed è scontato che vigileremo per verificare quale sarà l’effettivo utilizzo dei fondi che entro 6 o 7 settimane il Governo nazionale darà all’Abruzzo per l’emergenza frane, affinchè Montesilvano sia trattata al pari di comuni come Lettomanoppello, Manoppello e ogni altro territorio sia colpito da un’emergenza che coinvolge decine di migliaia di famiglie».