IL PAESE DEI BALOCCHI

Addio punibilità per i reati con pena fino ai 5 anni. Le novità del Governo Renzi

Scatterà il non luogo a procedere per particolare tenuità del fatto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3186

Addio punibilità per i reati con pena fino ai 5 anni. Le novità del Governo Renzi

Matteo Renzi


ROMA. È stato dato l'ok in via definitiva allo schema di decreto legislativo in materia di non «punibilità per particolare tenuità del fatto».
Dunque dopo che il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale sarà sancita la non punibilità per reati fino a 5 anni di reclusione o puniti con pena pecuniaria e scatterà, nei confronti del responsabile del reato, l’archiviazione del procedimento «per tenuità del fatto».
Il principio alla base delle nuove norme, si legge nel comunicato che arriva da Palazzo Chigi, prevede che quando l'offesa sia tenue e segua ad un comportamento non abituale (ovvero non ci si ritrovi davanti ad un recidivo) lo Stato possa decidere di non punire e demandare alla sede civile la relativa tutela. La risposta sanzionatoria dovrà quindi tener conto dell'entità dell'offesa, delle circostanze del fatto, della personalità dell'autore e della natura del bene tutelato.
Dunque il danno o il pericolo cagionato dovranno essere esigui e l’autore del comportamento non deve essere un delinquente abituale, professionale o per tendenza, né aver commesso altri reati della stessa indole.

«Solo a seguito di un accertamento rigoroso di tali condizioni da parte del giudice», spiega il Governo, «lo Stato rinuncerà ad applicare una pena per attuare una tutela risarcitoria e/o restitutoria tipicamente civile».
Il provvedimento prevede inoltre che il giudice, nel valutare il fatto, debba tenere conto le istanze della persona offesa e dello stesso indagato o imputato, «le cui contrapposte ragioni devono emergere nella dialettica procedimentale, tanto in fase di contraddittorio sulla eventuale richiesta di archiviazione quanto nella fase dibattimentale».
Nel decreto legislativo vengono infine introdotte le modifiche necessarie ai fini dell’iscrizione in un apposito casellario giudiziario dei provvedimenti in materia di particolare tenuità del fatto.
E se in queste ore gli animalisti sono insorti perché temono un salvacondotto per bracconieri e criminali ambientali di vario genere il ministro Orlando e il premier Renzi hanno assicurato che non ci sarà alcuna depenalizzazione dei reati sul maltrattamento di animali.
Sempre il governo ha aumentato la pena dei furti in appartamento che verranno puniti con la detenzione da due a otto anni (attualmente la pena è da uno a sei anni). La stessa soluzione, probabilmente, sarà adottata con riferimento alle rapine.

I REATI PER CUI NON SI ANDRA’ PIU’ IN CARCERE
Il quotidiano giuridico politico economico Leggi Oggi ha stilato un elenco dei reati per cui con le novità del governo Renzi non si andrà più in carcere ovvero quei reati per cui oggi è prevista una pena fino a 5 anni di reclusione. La lista è lunga ma bisognerà comunque valutare caso per caso come da decreto in quanto, come già detto, l’imputato non dovrà essere un «delinquente abituale, professionale o per tendenza, né aver commesso altri reati della stessa indole». Inoltre l’offesa non potrà essere ritenuta lieve quando «l’autore ha agito per motivi abietti o futili, con crudeltà o sevizie o, ancora, approfittando delle condizioni della vittima nell’impossibilità o incapacità a difendersi».

Tra questi reati per cui potrebbe arrivare una ‘mini amnistia’ ci sono: abbandono di persone minori o incapaci; abusivo esercizio di una professione; abuso d’ufficio; accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico; adulterazione o contraffazione di cose in danno della pubblica salute; appropriazione indebita; arresto illegale; assistenza agli associati (anche mafiosi); attentato a impianti di pubblica utilità; attentati alla sicurezza dei trasporti; atti osceni; commercio o somministrazione di medicinali guasti; commercio di sostanze alimentari nocive; contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari; corruzione di minorenne; crollo di costruzioni o altri disastri dolosi; corruzione; danneggiamento; detenzione di materiale pornografico; diffamazione; evasione; fabbricazione o detenzione di materie esplodenti; false informazioni al pm; falsità materiale del pubblico ufficiale; favoreggiamento personale; frode informatica; frode nelle pubbliche forniture; gioco d’azzardo; impiego dei minori nell’accattonaggio; incesto; ingiuria; interruzione di pubblico servizio; istigazione a delinquere; lesione personale; millantato credito; minaccia; occultamento di cadavere; omicidio colposo; omissione di soccorso; resistenza a p.u.; rissa; simulazione di reato; sottrazione e trattenimento di minori all’estero; truffa; turbata libertà degli incanti; vilipendio delle tombe; vilipendio di cadavere; violazione di domicilio; violazione di sepolcro; violazione di sigilli; violenza o minaccia a p.u.; violenza privata; violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato.