TARTASSATI

Boom delle tasse locali, Irap e Irpef tra le più salate d’Italia

Confcommercio: «serve più coraggio per favorire nuovi investimenti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1203

Boom delle tasse locali, Irap e Irpef tra le più salate d’Italia




ABRUZZO. Secondo uno studio Confcommercio-CER su pressione fiscale e spesa pubblica, emerge una situazione allarmante per il nostro paese, nonostante i segnali di ripresa previsti per l'anno 2015, che implicherebbe per i contribuenti 72 miliardi di tasse in più nel triennio 2016- 2018.
La ricerca mostra come la tassazione sugli immobili sia aumentata negli ultimi tre anni di 31,88 miliardi di tasse sugli immobili, con tasse locali passate dal 2,9% del Pil al 6,5%, raddoppiate negli ultimi 10 anni.
In altre parole, ogni famiglia italiana spende in media 4200 euro per le tasse locali e la situazione nella regione Abruzzo non è delle migliori.
Dall' analisi emergono dati peggiori rispetto alla media del paese : + 2000 euro di gettito in euro rispetto al minimo (+500 euro rispetto alla Lombardia), secondi per aliquota IRAP più alta 4,8, e quarti per addizionale IRPEF (come da unita tabella).
Dati che dimostrano come le regioni dove le famiglie e le imprese pagano di più, sono spesso anche le meno efficienti e le meno competitive.
«Ridurre le tasse su famiglie ed imprese è la priorità sul piano economico, solo così potranno ripartire i consumi e favorire nuovi investimenti in Abruzzo», commentano il direttore Celso Cioni e il presidente Roberto Donatelli.
«È questa la sfida che abbiamo di fronte e vale la pena impegnare ogni sforzo ed ogni mezzo per cogliere questo fondamentale obiettivo per far tornare lo sviluppo in Abruzzo.
Il sistema Abruzzo Confcommercio è pronto a combattere questa sfida che interessa e riguarda tutti gli abruzzesi, nessuno escluso».