SANITA'

Il commissario D’Alfonso prova a mettere in riga i manager delle Asl

Chiesti documenti e verifiche su spese, acquisti e appalti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2016

Il commissario D’Alfonso prova a mettere in riga i manager delle Asl




PESCARA. Giro di vite del commissario ad acta per la sanita', Luciano D'Alfonso, su proroghe ed estensioni contrattuali per l'acquisto di beni e servizi ad opera delle Asl.
 D'Alfonso ha definito «una vergogna» l'assenza del fascicolo sanitario nei presidi ospedalieri, perche' «non consente all'utente abruzzese il diritto alla piena conoscibilita' dell'offerta sanitaria».
«Chiedo - ha aggiunto D'Alfonso rivolgendosi ai manager Asl - che si cancelli l'istituto della proroga per far prevalere la stazione appaltante e la qualita' organizzativa, per ottenere straordinarie economie. Il vostro atteggiamento deve essere adulto e collaborativo».
 Nel quadro delle necessita' di controllare la spesa sanitaria ma, allo stesso tempo, di rendere piu' efficace ed efficiente la filiera dell'offerta sanitaria, il presidente, nei giorni scorsi, ha sospeso le procedure per l'acquisto di bene e servizi convocando per stamattina, nella sede di Viale Bovio, i vertici della aziende sanitarie, il responsabile del Dipartimento Sanita' e il commissario dell'Agenzia sanitaria regionale. 

Ai manager delle Asl, il presidente ha chiesto di consegnare a breve, anche alla luce delle prescrizioni del Piano operativo, che prevede il monitoraggio semestrale dei dati sulle gare, un quadro sinottico che contenga le informazioni sulla tipologia degli acquisti, i soggetti con i quali si contrattualizza e la loro storia, con particolare attenzione anche alle norme di salvaguardia rispetto alla presenza di contenziosi, il numero ed il valore economico delle proroghe, l'importo complessivo dei contratti per ciascuna singola Asl, chiedendo anche di incentivare un lavoro «virtuoso e sartoriale» sui capitolati, sempre nell'ottica di garantire l'interesse pubblico e dell'utenza.
Contestualmente, il Presidente ha chiesto di «rendere ricostruibile e conoscibile, con una piattaforma digitale, cosa accade in ogni presidio sanitario perché sulla qualità delle performance rese all'utenza ci possa essere un giudizio oggettivo e implacabile».
Intanto, già durante l'incontro odierno, i manager sono stati invitati dal Presidente a riferire sugli acquisti storicizzati e sulla situazione contrattualistica ed è emerso, per esempio, che nella Asl di Teramo ci sono 12 contratti in proroga, di cui uno perdurante da dieci anni, per un ammontare complessivo di 40 milioni di euro; 18 sono invece quelli in proroga alla Asl dell'Aquila, per un ammontare di 30 milioni di euro; 6 sono le posizioni critiche nella Asl di Chieti. Proroghe totalmente azzerate, invece, nella Asl di Pescara, se si fa eccezione di 10 proroghe tecniche su gare già avviate.

Nell'obiettivo di migliorare la capacità di spesa della Pubblica amministrazione, di velocizzare e traguardare gli intendimenti programmatici del Governo regionale, D'Alfonso ha anche anticipato di insediare presto la figura del commissario realizzatore, annunciando infine, tra una settimana, una nuova convocazione dei manager alla presenza del direttore generale del Ministero della Salute, Alberto Mario Botti, per «impiantare una soggettività che si occupi di procedure di acquisto di beni e servizi».
In consiglio regionale inoltre il presidente D’Alfonso ha inoltre invitato pubblicamente il manager della Asl di Pescara Claudio D’Amario di bloccare ogni procedura avviata inerente l’acquisto di un immobile di Montesilvano del valore di circa 4mln di euro.