GRANDE IMBOSCATA

Referendum Nuova Pescara, la fusione dei tre Comuni approda in Commissione

Mercante (M5S): «a breve cadranno le maschere»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3763

Referendum Nuova Pescara, la fusione dei tre Comuni approda in Commissione

L’AQUILA. Approda in commissione per la discussione prodromica all’esame in sede consiliare la proposta di legge del M5S diretta alla nascita della Nuova Pescara, la grande città che sorgerà a seguito della fusione dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore.
Il Capogruppo del M5S, Riccardo Mercante, primo firmatario della proposta di legge, ha espresso la propria soddisfazione per essere riuscito a raggiungere questo risultato nonostante l’inerzia dimostrata dalla maggioranza in questi mesi dopo il referendum della scorsa primavera.
Il 25 maggio scorso, infatti, oltre alle elezioni Europee, le elezioni regionali e le elezioni amministrative di Pescara, gli elettori si sono espressi sulla volontà di unificare i comuni di Pescara Montesilvano e Spoltore.
In totale i voti favorevoli sono stati 62.348 quelli sfavorevoli 34.895 ma in nove mesi nulla è cambiato e nulla si è mosso.
«C’è voluto tutto questo tempo – ha spiegato Mercante – per far arrivare la proposta di legge, depositata il 7 ottobre scorso, in commissione. Il presidente del Consiglio, Di Pangrazio, ha, infatti, lasciato decorrere inutilmente tutti i termini stabiliti dal regolamento prima di procedere all’iscrizione della proposta di legge all’o.d.g. della commissione consiliare prevista per la prossima settimana, a differenza, purtroppo, di quanto accade per gli atti presentati dalla maggioranza che vengono invece licenziati a tempo di record».

Tra pochi giorni comunque partirà l’iter che porterà la proposta di legge in Consiglio regionale.
«Sono molto soddisfatto, poi – ha proseguito Mercante – che il consigliere Sospiri si sia accorto, dopo soli quattro mesi, dell’esistenza della proposta di legge per la nascita della Nuova Pescara, ricordandosi solo ora e solo dopo il mio intervento, delle decine di migliaia di cittadini pescaresi che lo scorso 25 maggio hanno votato a favore della fusione dei tre comuni. Con il provvedimento, depositato cinque giorni fa, che altro non è se non una sintesi della mia proposta di legge, ha dimostrato se non altro di voler sostenere il lavoro svolto dal M5S che, primo tra tutti, è intervenuto per far rispettare la volontà popolare.
A questo punto – ha concluso Mercante – non resta che attendere che la proposta di legge arrivi in Consiglio».
Lì sarà possibile capire se i Consiglieri di maggioranza e quelli eletti nella circoscrizione pescarese, rispetteranno le decisioni dei cittadini.