FONDI PUBBLICI

Turismo Abruzzo, «pronta a giorni la graduatoria del bando regionale»

Rassicurazioni arrivano dai dirigenti della Regione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2671

Turismo Abruzzo, «pronta a giorni la graduatoria del bando regionale»
ABRUZZO. La graduatoria è in dirittura d’arrivo, entro l’inizio della prossima settimana la commissione sarà nelle condizioni di consegnare l’esito delle valutazioni. 

Giancarlo Zappacosta, direttore del Dipartimento del settore Turismo della Regione e Giancarlo Misantoni, dirigente del servizio Programmazione rassicurano la Cna abruzzese che nei giorni scorsi aveva parlato di 14 milioni di euro chiusi nei cassetti della Regione e di un bando bloccato da 12 mesi.

Qualcosa si sta muovendo, assicurano dagli uffici della regione: «il turismo abruzzese potrà contare su uno stanziamento totale di 21 milioni 133mila euro,  di cui 16.133.47  a valere sulla legge 77/2000, destinati all’ammodernamento o alla costruzione di nuove attività ricettive e 5 milioni di euro per il programma Obiettivo Turismo. E’ strumentale e non giova certamente al settore sollevare presunti dubbi o misteri sulle procedure regionali di esame delle graduatorie».

 Per quanto riguarda Obiettivo Turismo Zappacosta e Misantoni annunciano che sono arrivate in Regione 796 pratiche. Al momento ne risultano escusse definitivamente 580, «ma tutte sono state già esaminate e valutate e sono in corso i controlli finali di rito».
In ordine alla legge 77/2000 si sono susseguite due proroghe su richiesta di alcune associazioni. Pertanto il bando è definitivamente scaduto il 18 settembre dello scorso anno. In questo caso sono pervenute 659 istanze che vengono analizzate secondo la modalità della valutazione e non più con il criterio “a sportello”. «Questo comporta un obiettivo aggravio di lavoro», spiegano i due dirigenti, «cui si aggiunge l’esame laborioso per progetti afferenti la ristrutturazione e costruzione di strutture ricettive, nonostante si sia organizzati per l’esame in rete e plurimo delle proposte. Inoltre, per accelerare le procedure è stata disposta l’implementazione di personale. Comprendiamo le aspettative, ma non vorremmo fossero fomentate o strumentalizzate da chi ha pensato di agire da consulente a progetti che non hanno nessuna ragione d’essere. Vogliamo ricordare infatti che, soprattutto per Obiettivo Turismo, le analisi hanno sviluppato un livello di qualità nella valutazione notevolissimo, avendo richiesto la estrapolazione di progetti che non hanno carattere innovativo. Ultima notizia ma non meno importante, con la disponibilità di 5 milioni saranno finanziati 110 interventi».

CNA: «UNA BOCCATA D'OSSIGENO»

Soddisfatta la Cna: «la notizia non puo' che farci piacere, perche' cio' rappresenta una boccata di ossigeno fondamentale per una economia che sta ancora soffrendo tantissimo», dice il direttore regionale della Cna Graziano Di Costanzo. «Abbiamo colto, quindi, nel segno, indicando all'opinione pubblica e alle imprese l'esistenza di un considerevole ritardo degli uffici regionali. Da parte nostra non vi e' stata nessuna volonta' di fomentare alcunche', ne' tantomeno alcuna strumentalita' collegata al ruolo di presunti consulenti su progetti non ammessi a finanziamento. La Regione proceda quindi con tranquillita' e celerita' a fare il suo lavoro e ad escludere i progetti che non hanno i requisiti. La nostra organizzazione, d'altronde, non ha bisogno di alcun permesso per svolgere attivita' qualificata a favore delle imprese. Infine, dopo aver riconosciuto i ritardi della Regione, se e' questa la reazione del dirigente, possiamo solo dire che si e' partiti con il piede decisamente sbagliato».