FUOCO E FIAMME

Incendi estate 2007: i Comuni del Pescarese attendono ancora i risarcimenti danni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1178

CANADAIR INCENDIO

La zona



PESCARA. L’estate del 2007 viene ricordata come una delle più disastrose degli ultimi decenni dal punto di vista degli incendi boschivi. Furono 149 i comuni abruzzesi, di cui 22 della provincia di Pescara, che nella torrida estate del 2007 furono devastati dagli incendi.
Tra questi,  8 comuni della Pescarese, si videro accolta la richiesta di risarcimento per i gravi danneggiamenti subiti nel periodo luglio-settembre 2007: Castiglione a Casauria, Corvara, Pescosansonesco, Popoli, Rosciano, San Valentino, Scafa, oltre alla comunità di Abbateggio. La presidenza del consiglio dei Ministri, infatti, stanziò all’epoca 5 milioni di euro destinati a tutti quei Comuni italiani, di 7 regioni, colpiti dagli incendi.
 «I danni furono stimati in circa 2 milioni di euro – dichiara Antonio Di Marco, Presidente della Provincia e sindaco di Abbateggio-  ma gli indennizzi non sono mai stati erogati. Per questo ho preso carta e penna e, con nota del 13 gennaio u.s. ho richiesto al competente servizio regionale di protezione civile notizie sull’indennizzo alle comunità locali che sono state interessate dagli incendi nel corso dell'anno 2007. Già in passato  - continua Di Marco - mi sono personalmente interessato della problematica inerente il ristoro dei danni, presentando una mozione al consiglio provinciale approvata poi con deliberazione numero 46 del 21 maggio 2010».
«L’ufficio regionale di protezione civile, con una nota  dello scorso 27 gennaio – continua -  ha preso atto della mia richiesta, informandomi che attualmente la procedura di assegnazione delle risorse necessarie alla definizione delle pratiche ancora inevase è al vaglio dell'avvocatura generale dello Stato di Roma. Ho personalmente interessato il governatore regionale Luciano D'Alfonso, da sempre sensibile a tali tematiche, per un suo fattivo intervento finalizzato ad una sburocratizzazione ed una accelerazione dei relativi adempimenti. Sono certo  - conclude Di marco - che a breve avremo soluzione definitiva».