BINARI PARALLELI

Trasporti regionali, «Trenitalia boicotta Sangritana?»

«Informazioni carenti ma la società smentisce: «ci sono tutti gli orari»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1828

Trasporti regionali, «Trenitalia boicotta Sangritana?»

ABRUZZO. «La Regione Abruzzo finanzia sia Trenitalia sia la Fas (Sangritana) per garantire l'offerta ferroviaria agli abruzzesi, ma gli abruzzesi non riescono ad avere informazioni sull'offerta».
È quanto dicono Filt Cgil e Federconsumatori Abruzzo, secondo i quali Trenitalia non rispetterebbe il regolamento europeo 1371/2007 relativo a diritti e obblighi dei passeggeri.
E le due associazioni di categoria denunciano pure l'assenza dei responsabili della Regione Abruzzo in questo cruciale campo delle informazioni, «assenza che impedisce ai cittadini abruzzesi di conoscere tutta l'offerta pubblica ferroviaria regionale».
Dunque i treni ci sono ma a volte sarebbe difficile destreggairsi e trovare le varie opzioni di viaggio.
«Se, per esempio, un cittadino vuole raggiungere Lanciano da Pescara», fanno notare Tino Di Cicco e Franco Rolandi, rappresentanti delle due associazioni, «né i quadri cartacei in stazioni, né il sito di Trenitalia, danno un minimo di informazione sui treni che collegano Pescara a Lanciano. Eppure i treni ci sono, e non sono neanche pochi. Se poi gli abruzzesi volessero conoscere i collegamenti esistenti tra Pescara e Teramo, oppure tra Pescara e Sulmona, e cercano informazioni sull'offerta ferroviaria, sul sito di Trenitalia non trovano i treni della Sangritana».
Filt e Federconsumatori fanno anche un altro esmpio: «per esempio il treno 23910 in partenza da Pescara per Teramo alle ore 13.55, oppure il treno 23947 in partenza da Pescara per Sulmona alle ore 14.51, esistono, ma non sono indicati sul sito di Trenitalia che informa i cittadini sull'offerta ferroviaria. Se Trenitalia cerca di boicottare l'offerta della Sangritana danneggiando così i cittadini abruzzesi, un consiglio ai gestori della Sangritana, inviate le informazioni sull'offerta ferroviaria della Sangritana ai Responsabili delle ferrovie tedesche ( DB Bahn ) : in questo caso gli italiani potrebbero ottenere le informazioni che non ottengono dal sito Trenitalia, dal sito DB Bahn. Potrebbero ottenere tutte le informazioni sull'offerta della FAS, e anche molto altro (DB Bahn rispetta il regolamento europeo 1371/2007, Trenitalia no)».

TRENITALIA: «ORARI A CURA DI RFI»
«I quadri orari esposti nelle stazioni ferroviarie sono a cura di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) e non di Trenitalia», replica Trenitalia. «La differenza è sostanziale e non credo che i signori Di Cicco e Rolandi non la conoscano, vista la loro posizione. A questo punto o c’è malafede o l’errore è dell’estensore dell’articolo. RFI espone gli orari dei treni (sia Sangritana (FAS) sia Trenitalia) che circolano sulla rete che gestisce, quindi non compaiono gli orari dei treni della linea S.Vito – Lanciano che è gestita da FAS. Quindi per un treno FAS che va da Pescara a Lanciano sugli orari esposti a Pescara ci sono gli orari fino alla stazione di S.Vito Lanciano. Potrebbe essere FAS a esporre i propri orari anche a Pescara. E’ infatti vero che negli orari esposti ci sono tutti i treni FAS, anche quelli che vanno a Teramo e Termoli».
«Quindi è falso che non ci siano gli orari dei treni FAS della tratta Pescara Teramo», assicura Trenitalia.
«È  vero invece che sui fogli esposti non ci sono gli orari dei treni FAS della tratta Pescara Chieti Sulmona, semplicemente perché non esistono treni FAS che coprono quella tratta. E non c’è bisogno di andare nel sito delle ferrovie tedesche per avere gli orari dei treni.  Ci sono i due siti, ovviamente separati perché trattasi di Imprese Ferroviarie concorrenti, di Trenitalia e di Sangritana».ò