L'EVENTO

Alpini in Abruzzo. Lolli e Mazzocca, stanziati 722mila euro per adunata

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1178

Alpini in Abruzzo. Lolli e Mazzocca, stanziati 722mila euro per adunata

ABRUZZO. La Giunta Regionale ha stanziato 722mila euro quale quota di compartecipazione, a cui va aggiunto l'impegno già assunto dalla regione, in termini di prestazioni di beni e servizi, per ulteriori 160mila euro circa.
A comunicarlo il Vice Presidente Giovanni Lolli e l'Assessore alla Protezione Civile Mario Mazzocca per allestire al meglio l'evento ed esaudire le richieste provenienti dalle preposte organizzazioni nazionali per l'Adunata nazionale degli alpini (15-16-17 maggio 2015). Fra 150 giorni L'Aquila e l'Abruzzo, infatti, saranno al centro del più grande evento itinerante che da 88 anni si tiene in Italia. L'assessore Mazzocca che fin dall'inizio ha partecipato alle riunioni del Coa (Comitato Organizzatore Adunata), ha sottolineato come «annualmente l'Adunata accolga centinaia di migliaia di presenze, crei una ricaduta economica della quale beneficiano non solo albergatori, ristoratori, commercianti al dettaglio, industria agroalimentare, trasporti, ma l'intera filiera del commercio, dell'artigianato e delle produzioni locali con riscontri positivi, in termini immediate. Va, inoltre, considerata la dimensione sociale e culturale dell'evento costituita dalla diffusa rete di interazioni tra comunità ospitante e visitatori in grado di contribuire a rafforzare il senso comunitario e lo spirito di accoglienza e umanità di una città e di un territorio».
«Siamo convinti - interviene il Vice Presidente Giovanni Lolli- che l'impegno della Regione sarà ampiamente ripagato, viste e valutate le ricerche e le proiezioni sull'indotto economico. L'Adunata del 2013 di Piacenza ha portato sul territorio 120 milioni di euro, 80 dei quali solo sulla città. Inoltre, secondo l'Università Cattolica di Milano le Adunate degli alpini, tra i grandi eventi, generano il fatturato il più alto in assoluto, superiore al Gran Premio di Formula Uno di Monza. L'indotto comprende non solo quello concentrato nei 15 giorni a cavallo dell'evento, ma anche quello di lungo termine, grazie alla promozione turistica e alla visibilità di cui la città ospitante gode».