QUANTO COSTA?

Montagna: Gran Sasso Teramano, Di Sabatino chiede tagli costi

Chiesta relazione entro 15 giorni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1336

MONTAGNA

TERAMO. «Cabinovia e impianti di risalita della montagna teramana sono un patrimonio importante per tutta la comunità teramana, proprio per questo vanno assunte iniziative decise per risanare i conti e guardare avanti».
Questa mattina, nel corso dell'assemblea della Gran Sasso Teramano (assente la Regione che però ha fatto arrivare una nota del dirigente del Servizio Bilancio), società di cui la Provincia di Teramo è socio di maggioranza, il presidente Renzo Di Sabatino, ha fatto presente che «stante la pesante condizione debitoria che si trascina dal 2008 e considerato che l'ultimo rendiconto è di giugno 2014 è necessario avere una situazione aggiornata alla data attuale per verificare quali decisioni assumere fra la prosecuzione, la trasformazione o lo scioglimento della società».
Ha quindi chiesto che la relazione venga rimessa entro 15 giorni: «Alle condizioni attuali non sembra abbia senso tenerla in vita».
Nel frattempo il presidente ha proposto, e l'assemblea lo ha deliberato all'unanimità, di «azzerare il compenso dell'amministratore unico; di ridurre drasticamente i compensi del collegio sindacale, di ridurre di almeno del 50% le consulenze e i costi dei fornitori; di azzerare o ridurre i canoni concessori dei terreni di Prati di Tivo e Prato Selva».

Dalla relazione dell'amministratore unico si evidenzia che vi è una presumibile perdita di esercizio di circa 2 milioni di euro, che la società ha «un carico di oneri finanziari derivanti dagli interessi passivi per i ritardi nell'ottenimento delle coperture finanziarie dell'investimento iniziale per la realizzazione della cabinovia»; che la gestione degli impianti, il pagamento dei canoni concessori sui terreni, gli investimenti comunque necessari per garantire la manutenzione e la sicurezza, si traducono in oneri che non garantiscono il pareggio della società.
«E' chiaro che, intanto, come socio di maggioranza, non posso che chiedere a tutti un sacrificio per ridurre i costi», ha precisato Di Sabatino. In questo solco, s'inserisce la trattativa che la Provincia e la Società hanno avviato con l'Unicredit per l'abbattimento del debito contratto per la realizzazione della cabinovia: «siamo abbastanza fiduciosi di avere ancora un margine di manovra stante la nostra confermata volontà di estinguere appena possibile almeno la quota capitale» afferma in proposito il presidente. I soci si sono riconvocati per il 22 dicembre quando, fra le altre cose, bisognerà decidere rispetto al contratto di gestione degli impianti per la stagione invernale 2014 con il Consorzio di operatori turistici di Prati di Tivo.
Una buona notizia arriva dalla Regione che ha dato seguito alla richiesta avanzata ufficialmente dalla Provincia qualche settimana fa e ha deliberato la "restituzione" all'ente del milione e 100 mila euro di fondi Fas che all'epoca della concessione del contributo fu tagliato: il contributo iniziale per la cabinovia, infatti, era di 12 milioni e 400 mila euro poi ridotto a 11 milioni e 400 mila euro.

INVESTIMENTI GIUNTA PER MONTAGNA TERAMANA
Con la Delibera n. 844, del 15 dicembre, la Giunta Regionale ha approvato la rimodulazione dei fondi PAR- FAS 2007-2013. L’Esecutivo ha deciso di investire quasi 5 milioni di euro per migliorare l’accessibilità nelle aree montane attraverso modalità di trasporto sostenibile. Le aree di intervento prevedono investimenti importanti nella provincia di Teramo. La delibera infatti prevede un investimento di 200.000 euro per la seggiovia “Campo di Venti” nel Comune di Fano Adriano, 200.000 per la revisione generale della seggiovia “Tre Caciare – Monte Piselli” nei Comuni di Valle Castellana e Civitella del Tronto gestita dal Consorzio Turistico Monti Gemelli Co.Tu.Ge. . Inoltre 1.100.000 euro saranno investiti per la realizzazione di un impianto funiviario con veicoli misti nella località di Prati di Tivo di Pietracamela con soggetto attuatore la Provincia di Teramo, mentre la restante parte della dotazione finanziaria verrà investita nel rinnovo ed ampliamento impianti nel Comune di Cappadocia e in quello di Pescasseroli (L’Aquila). L’Assessore Dino Pepe, ha sottolineato l’attenzione dell’Esecutivo Regionale per la montagna teramana: «Con questi importanti investimenti daremo nuovo slancio alle nostre infrastrutture montane, incentivando di conseguenza la mobilità ed il turismo in zone che stanno vivendo un momento molto delicato. Cinque milioni di euro sono una prima risposta concreta alle tante esigenze della montagna abruzzese – ha proseguito Pepe - e la Giunta Regionale continuerà a rivolgere la sua attenzione a questa grande risorsa del nostro territorio».