OPERE CONTESTATE

Gasdotto Snam, partono gli espropri: 6.547 particelle catastali interessate dal progetto

Appello agli amministratori locali: «informate i cittadini dei loro diritti e opporsi all'opera»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3212

Gasdotto Snam, partono gli espropri: 6.547 particelle catastali interessate dal progetto
ABRUZZO. 6.547: è l'incredibile numero delle particelle catastali (corrispondenti ad altrettanti terreni) a L'Aquila e in altri 12 comuni del circondario che saranno espropriate o assoggettate a servitù a causa del progetto di Gasdotto Sulmona - Foligno della SNAM, che attraversa per 103 chilometri l'Abruzzo interno nelle aree classificate tra le più sismiche d'Italia.

Migliaia di cittadini e i loro terreni sono coinvolti nelle procedure di esproprio o assoggettamento a pesanti servitù di passaggio imposte a causa del contestatissimo progetto. Terreni che subiranno drammatici deprezzamenti, con divisioni, limitazioni d'uso.
In particolare questi sono i numeri suddivisi per comune: L'Aquila: 1.885; Montereale: 553; Cagnano: 402; Barete: 148; Pizzoli: 523; S. Demetrio: 476; Poggio Picenze: 307; Barisciano: 335; S. Pio delle Camere: 83; Navelli: 596; Prata d'Ansidonia: 766; Caporciano: 195; Collepietro: 278. A queste si aggiungono altre migliaia di particelle nell'area di Sulmona e Popoli, in Umbria e nelle Marche.

I Comitati Cittadini per l'Ambiente di Sulmona, che da anni seguono il progetto del gasdotto, con il Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua e Zona22, che stanno seguendo l'esperienza degli espropri dell'elettrodotto Terna nelle aree collinari del chietino e pescarese, ritengono che gli abruzzesi ormai «sono trattati non come cittadini ma come meri servitori degli interessi di grandi potentati economici che mirano solo a grandi appalti e lavori pubblici e al business estero dell'energia».
«Infatti il mercato del gas» sta subendo un vero e proprio crollo da anni in Italia e le infrastrutture esistenti consentono di soddisfare largamente le esigenze nazionali. Nel frattempo è unanime, anche a causa dei drammatici cambiamenti climatici, la richiesta di uscire dall'economia fossile e puntare su rinnovabili, risparmio ed efficienza energetica. Invece si vuole far pagare al territorio italiano e a quello abruzzese tutti i costi delle politiche delle lobby che vogliono lucrare sull'energia trattando il prezioso territorio della penisola, assieme ai suoi abitanti, alla stregua di una piattaforma logistica dove far transitare energia e materie prime da vendere all'estero».
I comitati e i movimenti lanciano un accorato appello agli amministratori locali affinché convochino immediatamente tutti i cittadini in assemblee pubbliche «per informarli di cosa sta avvenendo e di come opporsi con successo a questa occupazione del territorio».
Per l'elettrodotto Terna molti proprietari si sono accorti degli espropri e delle relative conseguenze solo al momento dell'avvio delle occupazioni sul campo e nonostante ciò in molti casi stanno resistendo. «Gli enti locali dell'aquilano facciano la loro parte per bloccare l'opera e difendere gli interessi e, soprattutto, i diritti dei cittadini».

 

ABRUZZO. Avviso Al Pubblico Metanodotto Sulmona-Foligno