AMBIENTE

La Regione Abruzzo a Lima per la conferenza Onu sul clima

L’evento in programma dal 7 al 13 dicembre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1195

La Regione Abruzzo a Lima per la conferenza Onu sul clima

ABRUZZO Ci sarà anche la Regione Abruzzo, rappresentata dall'assessore regionale Mario Mazzocca e da un gruppo ristretto del Servizio regionale Energia, alla conferenza dell'Onu sul clima, che si è aperta il 1 dicembre e che vede la partecipazione di 190 delegazioni provenienti da tutto il mondo, riunite alla scopo di predisporre un documento unitario per contrastare i cambiamenti climatici, in vista del vertice che si terrà il prossimo anno a Parigi.
«Con la presenza a Lima dal 7 al 13 dicembre», spiega l'assessore Mazzocca, «intendiamo promuovere l'importanza e il ruolo degli enti regionali e locali nello sviluppo sostenibile; un impegno che rientra in una più ampia strategia di interventi messa in atto da tempo come componenti di Fedarene (Federazione europea delle Agenzie regionali per l'energia e l'ambiente) e la collaborazione con l'OCSE sui temi delle energie rinnovabili e lo sviluppo sostenibile».
Le sessioni di lavoro avranno come tema principale gli sforzi che ogni paese deve sostenere per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e contrastare il riscaldamento del pianeta. La scelta di Lima non è certamente casuale, visto che l'America latina ha già sperimentato gli effetti devastanti del cambiamento climatico attraverso inondazioni, fusione dei ghiacciai ed eventi metereologici estremi. 

Nello specifico, a Lima la delegazione italiana della Regione Abruzzo interverrà al Susteinable Innovation Forum, nell'ambito del seminario dedicato alla Urbanizzazione sostenibile.
«Inoltre», continua Mazzocca, «prenderemo parte, sempre in qualità di relatori, all'evento, organizzato da Climate Alliance Europa, sull'importanza delle azioni locali per la riduzione delle emissioni di gas in atmosfera e per la progressiva sostituzione delle risorse fossili con le energie pulite; un riconoscimento importante, che deriva da specifiche scelte del passato sul tema della tutela ambientale: non dimentichiamo, a tal proposito, la decisa ed estesa presenza sull'intero territorio regionale di aree protette di valenza sia nazionale che regionale, che interessano oltre 1/3 della nostra Regione».
«In più, alcuni recenti e puntuali interventi, come gli interventi attuati nei Comuni abruzzesi per l'efficientamento energetico nelle scuole e nell'illuminazione pubblica, o il concorso Energiochi, giunto ormai alla sua decima edizione, che ha contribuito notevolmente alla sensibilizzazione degli alunni delle scuole abruzzesi sui temi del risparmio energetico: esperienze che hanno mostrato come una mirata governance su questi argomenti possa essere efficace e contribuire fattivamente alla salvaguardia e tutela ambientale»