LA PROPOSTA

Abruzzo, MS5: «lo stipendio del consigliere regionale non potrà superare i 5 mila euro»

I pentastellati hanno depositato la proposta di legge

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2653

Abruzzo, MS5: «lo stipendio del consigliere regionale non potrà superare i 5 mila euro»

ABRUZZO. Come annunciato in campagna elettorale è stata depositata la scorsa settimana la proposta di legge del Movimento 5 Stelle Abruzzo per la riduzione degli stipendi dei consiglieri regionali. I
«Gli altri fanno solo promesse noi facciamo i fatti», spiega la prima firmataria Sara Marcozzi. Il M5S risponde anche così, dunque, al caso sull’anticipo del Tfr dei consiglieri regionali votata a maggioranza nei giorni scorsi.

Sabato, però, il presidente Luciano D’Alfonso ha annunciato che non promulgherà «la norma intrusa» e al momento non si sono registrati commenti.
La proposta dei 5 Stelle prevede che l’indennità di carica non potrà superare i 5.000 euro lordi (contro gli attuali 11.000) e il rimborso spese non potrà superare 2.500 euro (contro gli attuali 4.100-4.500 euro). La proposta prevede inoltre: l’abolizione delle indennità aggiuntive per i vice-presidenti e segretari di commissione; l’abrogazione della polizza assicurativa (infortunio e morte) per i consiglieri (che ad oggi grava sui contribuenti); l’abrogazione del trattamento di fine mandato; la riduzione, in percentuali progressive, dei vitalizi già maturati, con una più severa riduzione in caso di cumulo di vitalizi (li avremmo con piacere aboliti tutti ma, come sai, secondo illustre giurisprudenza, essendo “diritti quesiti” possono soltanto essere “ragionevolmente” ridotti).
E poi ancora si prevede lo spostamento - di fatto - di 7 anni (da 60 a 67) per la fruizione del vitalizio per coloro che sono stati consiglieri fino alla IX legislatura (la scorsa) e non hanno ancora raggiunto l’età minima; infine una riduzione dell'1,2% degli stipendi dei dirigenti.
«Le riduzioni di stipendi dei dirigenti sono minime», spiega Marcozzi, «poiché è possibile incidere esclusivamente sulla voce "remunerazione della posizione e del risultato”, quindi solo sui premi di produzione».
La proposta di legge sarà pubblicata sul blog di Beppe Grillo nella sezione Lex regioni (Abruzzo) e aperta a ogni commento e suggerimento da parte dei cittadini.

«Il risparmio totale da noi stimato per i prossimi 5 anni», ricorda Marcozzi, «ammonta a 23 milioni e 140 mila euro, se i consiglieri di ogni parte politica avranno il coraggio di votare in favore della proposta. Quanto alle restituzioni personali, comunque vada entro la fine del mese i consiglieri del M5S presenteranno il resoconto delle spese sostenute, le buste paga emesse dalla Regione e le somme effettivamente trattenute. Nel momento storico di grave crisi economica in cui ci troviamo i rappresentanti politici, che chiedono continui sacrifici ai cittadini con manovre "lacrime e sangue", devono essere i primi a dare un segnale di cambiamento, i primi ad accettare il sacrificio, se di sacrificio si può parlare. Vedremo», chiude Marcozzi, «come voteranno i consiglieri regionali di centrosinistra e centrodestra. Rinunceranno a metà dello stipendio?»