AMBIENTE

Parchi: certificazione europea per area Marina protetta del Cerrano

L’11 dicembre la consegna ufficiale a Bruxelles

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1242

Parchi: certificazione europea per area Marina protetta del Cerrano
ABRUZZO. Elogio dal mondo politico, sociale ed economico alla prima Area marina protetta certificata d’Europa. La consegna ufficiale l’11 dicembre a Bruxelles, sede del Parlamento Europeo. La Regione Abruzzo, numerose istituzioni locali e nazionali, imprese e associazioni si sono mobilitate per celebrare l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, primo Parco marino certificato d’Europa. Questa mattina, nella sala blu di viale Bovio a Pescara, l’assessore ai Parchi Donato Di Matteo, i sindaci di Pineto e Silvi, Robert Verrocchio e Francesco Comignani, il vicepresidente della Provincia di Teramo Barbara Ferretti,  il presidente di Confcommercio Ezio Ardizzi e il direttore di Confesercenti Enzo Giammarino si sono congratulati con il presidente Benigno D’Orazio «per lo straordinario risultato raggiunto».

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile sarà un strumento importante per l’intera Regione. Lo stesso Ignace Shops, presidente di Eurparc Federation, l’organismo internazionale che le attribuito la Carta, ha elogiato il forte impulso dato dal presidente D'Orazio, impulso che la comunità ha saputo recepire e implementare.

Un lavoro di squadra: 32 tra istituzioni, università, scuole, imprese e associazioni hanno condotto all’elaborazione di una strategia ed una serie di azioni da realizzare nei prossimi cinque anni.  Dal 2015 dette azioni saranno finanziabili anche in sede Europea.
«Il Parco del Cerrano ha ora tutte le carte in regola per rappresentare l’esempio di Parco ‘sostenibile’ ed efficiente che tutela, promuove e valorizza il territorio coinvolgendo tutti gli attori in esso presenti», ha detto con orgoglio il presidente D’Orazio.

Anzi, le migliori prassi dell’AMP sono già state adottate dal Parco Marino di Lastovo in Croazia e il verificatore di Europarc Giacomo Benelli si è detto certo che il Parco del Cerrano sarà utilizzato come modello di riferimento a livello europeo.
L’assessore Di Matteo ha ribadito la proposta avanzata due anni fa dal presidente D’Orazio di creare un unico parco marino d’Abruzzo che unisca Torre del Cerrano e il costituendo Parco Teatino.
La conferenza di oggi è stata anche l’occasione per portare all’attenzione della stampa le iniziative che si terranno il 10 e l’11 dicembre 2014 a Bruxelles. Una delegazione di rappresentanti dell’AMP, della Regione Abruzzo e dei Comuni di Pineto e Silvi raggiungerà la capitale belga dove, presso la sede della Regione Abruzzo, nel pomeriggio di mercoledì 10 dicembre, parteciperà ad un convegno di presentazione dell’evento.

Al meeting interverranno tra gli altri il presidente di Federparchi Giampiero Samurri, il rappresentante italiano di Europarc Vittorio Alessandro.

Il momento solenne, la consegna della CETS nelle mani del Presidente dell’AMP, si celebrerà nella mattinata di giovedì 11 dicembre, nel corso della cerimonia di premiazione organizzata da Europarc Federation, nella sede del Parlamento Europeo. All’evento parteciperanno tra gli altri Ignace Shops, presidente di Europarc Federation e Luisa Todini, direttore Generale del Dipartimento Turismo e Imprese della Commissione Europea.
Il Parco Marino ha già avviato le azioni della CETS conseguendo i primi importanti risultati: il progetto “Sentinelle ambientali”, proposto dal Polo Liceale Saffo, è entrato nel vivo con la formazione degli alunni sulle tematiche del turismo sostenibile e sull’ecosistema dell’AMP; il progetto di educazione ambientale, presentato a tutte le scuole della Regione Abruzzo, viene attuato in collaborazione con le Guide del Cerrano, le quali svolgono visite guidate, laboratori e attività formative su temi di vitale importanza per le generazioni future; il progetto di caratterizzazione balneare degli stabilimenti balneari è più che una realtà consolidata a Pineto e Silvi e sta apportando miglioramenti in chiave ambientale alle forme di gestione dell’arenile e al rapporto con l’utenza.
A partire dal 2015 l’AMP diventerà a sua volta ente certificatore e dunque ci saranno strutture ricettive, associazioni, istituzioni, ecc. certificate a livello europeo.