SULLA STRADA

Viabilità e sicurezza, 3,2 milioni di euro dalla Regione alle Province

Ogni comprensorio riceverà 800 mila euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

949

BUCHE STRADALI

ABRUZZO. Con delibera di Giunta n. 723 del 7 novembre scorso la Regione Abruzzo ha concesso alle Province la somma complessiva di 3,2 milioni di euro (800mila per ciascun comprensorio) per interventi di manutenzione urgenti e immediatamente cantierabili sulla viabilità provinciale.
Lo stanziamento di queste risorse fa seguito alla delibera n. 495 del 29 luglio scorso, recante “Disposizioni sull'utilizzo da parte delle Province delle economie di gara e delle altre economie comunque rinvenute all'interno degli interventi finanziati con i Piani Triennali della viabilità regionale 2001-2003 e 2008-2010”. Si tratta di provvedimenti varati nell’ottica di una riqualificazione generale della viabilità interna.
Le Province potranno decidere di stanziare questi fondi per uno o più progetti.
Al momento solo il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, ha reso note le sue intenzioni e annunciato che gli 800mila euro saranno speso per la messa in sicurezza delle strade provinciali”

«Abbiamo deciso, con il dirigente del settore Paolo D’Incecco – ha spiegato Di Marco – di privilegiare quei comprensori per i quali l’ente, ad oggi, non dispone di alcun finanziamento. Nello specifico, quindi, per quanto riguarda l’area nord, Vestina, le strade oggetto di questi lavori straordinari saranno quelle ricadenti nel comprensorio di Roccafinadamo, Penne, Farindola, Colle Stella, Collecorvino, Villa Degna e Cappelle (per un totale di 400mila euro).
Nell’area sud, invece, ovvero la Val Pescara, i comprensori protagonisti del finanziamento saranno Pietranico, Pescosansonesco, Corvara, Castiglione a Casauria e Catignano (per un totale di 400mila euro).
Ovviamente questi interventi, che prevedono la messa in sicurezza delle strade mediante il risanamento dei dissesti del corpo stradale, il rifacimento della pavimentazione e della segnaletica, vanno considerati in aggiunta a quelli già programmati dalla Provincia e a quelli in corso di realizzazione. Per quanto riguarda il calendario dei lavori, infine, il governatore ha dato tempi molto ristretti: entro fine anno i progetti cantierabili dovranno essere appaltati.