REGIONE

Consiglio: Abruzzo, ok variazione bilancio per 800mila euro

750mila per credito agrario agevolato. Poi famiglia e turismo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1363

Consiglio: Abruzzo, ok variazione bilancio per 800mila euro

L’AQUILA. Il Consiglio regionale di ieri ha approvato a maggioranza, con l'astensione del Movimento Cinque Stelle, una variazione di bilancio che prevede un valore complessivo di circa 800mila euro.
Tra le misure, 750 mila euro per il credito agrario agevolato, 45 mila euro per la famiglia, e 30mila come «contributo per il funzionamento dell'azienda di promozione turistica regionale».
Rispetto alla bozza è stato escluso il finanziamento di 60mila euro per il premio Silone. La variazione è stata approvata come emendamento alla legge di modifica del trattamento di fine rapporto di lavoro.
«Si tratta di misure oggettive e urgenti nel campo del turismo, dell'agricoltura e del sociale», ha spiegato l' assessore regionale al bilancio Silvio Paolucci. Secondo il consigliere regionale di Forza Italia, Mauro Febbo, «ancora una volta il lavoro del Gruppo consiliare di Forza Italia si è dimostrato fondamentale per tutelare le esigenze delle categorie più in difficoltà a causa della crisi. Siamo riusciti a recuperare 45mila euro da destinare agli interventi a favore delle famiglie, e ad aumentare di 50mila euro le risorse destinate al credito agrario agevolato, che ora ammontano a 750mila euro. Credo sia una risposta concreta a quanto ci chiedono i cittadini».

RISOLUZIONE SU 'PRECARI GIUSTIZIA'
Il Consiglio Regionale, ha poi approvato due risoluzioni. La prima impegna riguarda i 'precari della giustizia', ovvero i 2.924 lavoratori impegnati da alcuni anni in tirocini nei tribunali non solo abruzzesi, ma di tutta Italia; nel documento si chiede al Presidente della Giunta di attivarsi presso il Governo nazionale, affinché sia prevista per questo personale, la possibilità di accedere a contratti di lavoro a tempo determinato.
La seconda, invece, è sul progetto della centrale a biomasse dell'Aquila e impegna la Giunta a valutare la sospensione delle autorizzazioni concesse alla società proponente.
Via libera, poi, al piano di interventi a favore della famiglia che contiene risorse per 420mila euro da destinare alla promozione e tutela della genitorialità, al miglioramento della qualità della vita e al sostegno psicologico e socio-assistenziale delle famiglie in difficoltà.

RIORDINO ISTITUTO CAPORALE
Approvato, infine, il riordino dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale "Caporale", secondo quanto previsto dalla vigente normativa nazionale. Secondo i consiglieri Sandro Mariani, capogruppo del PD, Mario Olivieri (AC), Lucrezio Paolini (IdV), oltre che dall'Assessore Silvio Paolucci, sottolineano come con questa legge si è scongiurato il commissariamento dell'Ente.
«Il recepimento delle disposizioni nazionali - commentano gli esponenti della maggioranza di centrosinistra - imponeva il riordino dell'Ente, vigilato dal ministero della Salute, entro il prossimo gennaio, pena la ricaduta in una nuova fase di commissariamento, dopo quella perdurata quasi venti anni. Nella legge approvata, in un'ottica di spending review, si è provveduto alla riduzione dei membri del consiglio di amministrazione da tre a cinque, mentre si ribadisce l'attività di ricerca, attraverso il potenziamento delle collaborazioni con il mondo universitario». Il vice presidente del consiglio regionale Paolo Gatti (Fi) ha spiegato di essere soddisfatto dell'approvazione della legge di riordino che «oltre a rappresentare un adempimento normativo fondamentale rispetto alla legislazione nazionale, consente anche grazie al nostro emendamento, di assicurare la continuità della direzione generale dell'istituto fino al 2017».
«Ritenevamo indispensabile proseguire - continua Gatti - il percorso intrapreso due anni fa, che vede la nostra prestigiosa struttura aver ripreso un dialogo costruttivo e proficuo con le Istituzioni del territorio e con tutte le agenzie scientifiche, culturali e formative più rilevanti dell'Abruzzo».