ECONOMIA

Regione Abruzzo. «14 mln per Cofidi per aiutare credito delle imprese»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2393

Regione Abruzzo. «14 mln per Cofidi per aiutare credito delle imprese»

Giovanni Lolli


ABRUZZO.  Ammontano a 14 milioni di euro le risorse provenienti dal Par Fas che la Regione Abruzzo ha destinato ai Confidi regionali per agevolare l'accesso al credito delle piccole imprese. La Giunta regionale, su proposta del vicepresidente con delega allo Sviluppo economico Giovanni Lolli, ha approvato lo schema di convenzione che la Regione Abruzzo sottoscriverà con i 35 Confidi regionali che hanno risposto all'avviso pubblico "Credito è crescita".
La destinazione delle risorse per agevolare il credito d'impresa rientra in una specifica linea del Par Fas tesa a facilitare le piccole imprese al ricorso al credito in un momento particolarmente difficile del mercato creditizio.
«La misura che la Giunta regionale ha deliberato vuole dare risposta soprattutto a questa esigenza - spiega il vicepresidente Giovanni Lolli - cercando in questo modo di agevolare la politica di investimento che molte volte deve fare i conti con il mercato del credito».
 Il via libera ai 14 milioni è solo l'ultima misura che nelle ultime settimane la Giunta regionale ha deliberato in favore delle piccole imprese in chiave di investimento.
«Solo negli ultimi dieci giorni - sottolinea Lolli - il Governo regionale ha messo in campo misure per oltre 27 milioni di euro in favore delle piccole imprese: la prima ha interessato il rifinanziamento dei Contratti di sviluppo locale con lo scorrimento della graduatoria in favore di 10 imprese, di cui la metà marsicane; la seconda il via libera esecutivo del Fas della Valle Peligna, del valore complessivo di 16 milioni di euro, con l'impegno della Giunta a deliberare entro la fine di novembre i bandi pubblici per l'impego di 8 milioni di euro in favore delle imprese private che vogliono fare investimento in Valle Peligna; infine la misura dei 14 milioni a Confidi che era molto attesa dalle associazioni datoriali e dalle imprese».