LA CLASSIFICA

Parlamentari d’Abruzzo: i più produttivi? Colletti (M5S) e Razzi

Gli ultimi in classifica, invece, Filippo Piccone e Gaetano Quagliariello (Ncd)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2368

Parlamentari d’Abruzzo: i più produttivi? Colletti (M5S) e Razzi

Colletti e Razzi

 



ABRUZZO. Attraverso elementi quantitativi e qualitativi il sito Open Polis ha valutato l’azione di deputati e senatori di tutta Italia per rilevarne l’efficacia.
Il MiniDossier contiene analisi sul rapporto Governo-Parlamento, sulle dinamiche di funzionamento delle Camere e ovviamente classifiche su parlamentari e gruppi.
Per quanto riguarda i deputati e senatori più produttivi, lo scettro spetta a Andrea Colletti (M5s) per i primi e Antonio Razzi (Forza Italia) per i secondi.
L'indice di produttività è calcolato attribuendo a ciascun deputato un valore numerico per ogni atto presentato in parlamento o di cui è stato relatore. Per ogni atto si prende in considerazione: la tipologia, il consenso ricevuto, l'iter e la partecipazione del parlamentare ai lavori.
Dunque la classifica dei deputati abruzzesi viene dominata dal pescarese grillino Andrea Colletti che fa registrare un indice di produttività pari a 315,2 e si posiziona 17° in classifica su 630 deputati.

Al secondo posto c’è Gianni Melilla di Sel (indice produttività 87,4) e al terzo Gianluca Vacca (79,3), sempre del Movimento 5 Stelle.
Al quarto posto c’è Itzhak Yoram Gutgeld del Partito Democratico (47,8), a seguire Giulio Sottanelli (Scelta Civica), Daniele Del Grosso (Movimento 5 Stelle), Paolo Tancredi (Ncd), Vittoria D’Incecco (Pd), Antonio Castricone del Pd, Fabrizio Di Stefano (Forza Italia).
Ultimi tre posti per Maria Amato (Pd), Tommaso Ginoble (Pd) e Filippo Piccone (Ncd).

I SENATORI
Tra i senatori, invece, il più produttivo è Antonio Razzi (Forza Italia) con un indice di produttività di 239,3 si posiziona al 24° posto tra i 315 senatori. Parodiato, imitato e preso in giro ma in Senato lavora più degli altri colleghi.
Al secondo posto c’è la senatrice Federica Chiavaroli (Ncd) che si classifica al 32°posto su 315 senatorie con un indice di produttività di 206,6 al terzo posto la grillina Enza Blundo. A seguire Stefania Pezzopane (Pd), Paola Pelino (Forza Italia).
Chiudono la classifica Gianluca Castaldi (M5S) e Gaetano Quagliariello (Ncd)

OLIGARCHIA PARLAMENTARE
Dei quasi 1.000 fra deputati e senatori quelli che riescono veramente ad influire sui processi parlamentari non arrivano a 100, sottolinea il dossier di Openpolis.
Molte volte non bastano impegno e presenza costante, quello che veramente conta è presidiare ruoli politici – ad esempio capogruppo – o istituzionali – ad esempio presidenza di commissione – che regolano l’agenda dei lavori e definiscono le priorità.
Nche perché progressivamente il Governo ha concentrato nelle proprie mani anche il potere legislativo. L’84% delle Leggi approvate – e tutte quelle più importanti – nella Legislatura XVII sono di sua iniziativa. A farne le spese il Parlamento nel suo complesso, ma anche la maggioranza che lo sostiene relegata nei fatti al ruolo di schiaccia bottoni e bypassata dall’Esecutivo che ha cercato direttamente l’accordo con le opposizioni.

 

 

Senatori circoscrizione abruzzo

 

 Antonio RAZZI (FI-PdL)

239.3

 Federica CHIAVAROLI (NCD)

206.6

 Rosetta Enza BLUNDO (M5S)

80.2

 Stefania PEZZOPANE (PD)

73.0

 Paola PELINO (FI-PdL)

60.3

 Gianluca CASTALDI (M5S)

39.3

 Gaetano QUAGLIARIELLO (NCD)

26.8

Deputati circoscrizione abruzzo

 Andrea COLLETTI (M5S)

315,2

 Gianni MELILLA (SEL)

87,4

 Gianluca VACCA (M5S)

79,3

 Itzhak Yoram GUTGELD (PD)

47,8

 Giulio SOTTANELLI (SCpI)

41,2

 Daniele DEL GROSSO (M5S)

36,9

 Paolo TANCREDI (NCD)

33,6

 Vittoria D'INCECCO (PD)

29,9

 Antonio CASTRICONE (PD)

25,9

 Fabrizio DI STEFANO (FI-PdL)

22,8

 Maria AMATO (PD)

20,5

 Tommaso GINOBLE (PD)

15,2

 Filippo PICCONE (NCD)

7,7