IL DOC SEGRETO

Sanità Abruzzo, alleggerito il ticket sulla riabilitazione

Ma non basta per risolvere i problemi della sanità abruzzese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2158

Sanità Abruzzo, alleggerito il ticket sulla riabilitazione




ABRUZZO. Un ordine del giorno della maggioranza di centrosinistra in appoggio alle scelte della Giunta D’Alfonso sul ticket per la riabilitazione (trasferito nel bilancio del sociale per non appesantire troppo famiglie e comuni) ha risposto ieri alle polemiche dell’opposizione di centrodestra sugli adempimenti previsti dal Piano di rientro dai debiti e sollecitati dal Tavolo di monitoraggio romano.
Oggi toccherà al Consiglio regionale decidere quale via intraprendere sul ticket per la riabilitazione diventato improvvisamente d’attualità, dopo che per anni sotto il commissario Chiodi non è stato mai criticato dal centrodestra, mentre solo la Cisl Fp negli anni ha spesso sollevato il problema per cercare una soluzione meno pesante per le famiglie.
Normale dialettica politica?
 Ma non serve a nulla se l’opposizione critica quello che condivideva o non contestava quando era all’opposizione e se la maggioranza si trova solo alle prese con problemi difficili da risolvere, proprio quelli che da opposizione rinfacciava agli avversari.
 Infatti così rischia di finire in rissa lo scontro maggioranza-opposizione sulla sanità. Questo sarebbe il modo migliore per rinviare la soluzione dei problemi reali dell’assistenza sanitaria nel suo complesso, dalla rete ospedaliera, alla mobilità passiva, alle file di attesa, ai punti nascita, al ticket per la riabilitazione ed al potenziamento della medicina territoriale.
Nulla, infatti, è venuto di costruttivo dalle dichiarazioni del centrodestra (dallo stesso Chiodi ai suoi ex assessori Paolo Gatti, Mauro Febbo e Mauro Di Dalmazi ed al capogruppo Ncd Giorgio D’Ignazio) che ora addebita come colpe al centrosinistra il suo mancato adempimento delle prescrizioni del governo nazionale.
Ma nemmeno molto di più è arrivato ieri dal centrosinistra con la mozione di appoggio alle scelte della Giunta D’Alfonso e dell’assessore Silvio Paolucci. Buona la soluzione di scovare i fondi necessari per trasferire il peso del ticket sul bilancio del sociale, ma si tratta pur sempre di un’alchimia contabile che fronteggia solo l’emergenza ed offre un aiuto alle famiglie e che costringe comunque il centrosinistra sulla difensiva, alla ricerca delle risorse necessarie ad assicurare un’assistenza socialmente più equa, ma non ad elaborare una linea che produce soluzioni nuove per la sanità abruzzese.
I problemi restano tutti ancora irrisolti, dopo aver fatto la tara delle polemiche politiche quotidiane. 

«Tutto può accadere in Abruzzo - ha commentato Camillo D’Alessandro riferendosi al centrodestra ed a Chiodi in particolare - tranne che i carnefici tentino di indossare i panni delle vittime», ma reso noto che «continua l’operazione verità sui conti per individuare le risorse necessarie, tanto che sono stati già stanati 800 mln di posizioni debitorie non previste in bilancio, 35 mila contenziosi ed altri 50-60 mln di nuovi debiti tra Enti e società partecipate» si tratta ora di passare all’operatività proponendo scelte più incisive sui Punti nascita, sui posti letto, sulla mobilità passiva, sulla medicina territoriale e così via, dando ascolto anche ai sindacati del settore ed agli esperti indipendenti.
Non si può più tollerare che oggi parli di sanità chi non conosce i documenti, pur ricoprendo cariche istituzionali, e che la scelta delle soluzioni si trasformi in sterile contrapposizione, magari attivando in modo strumentale sindaci e comitati popolari. «Bisogna applicare la norma sulla compartecipazione: il ticket si paga in tutta Italia», ha detto a luglio un funzionario ministeriale durante l’ultimo Tavolo di monitoraggio romano.
«Lo facciamo appena torno in Abruzzo» ha risposto Luciano D’Alfonso.
«Sono anni che dite così, ma ancora non c’è nulla» ha commentato “l’esaminatore”. Eppure la vecchia Giunta sosteneva che l’Abruzzo era diventata una regione affidabile…

Sebastiano Calella

SANITA' ABRUZZO. Sintesi Disciplinare Per Oo.ss.