SANITA'

Fecondazione eterologa: arrivano le linee guida della Regione Abruzzo

Varato ieri in giunta il provvedimento

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2942

Fecondazione eterologa: arrivano le linee guida della Regione Abruzzo



ABRUZZO. Anche la Regione Abruzzo vara le linee guida per la fecondazione eterologa.
In particolare l'esecutivo presieduto da Luciano D'Alfonso ha fatto proprio il documento della Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome elaborato sulla base della sentenza della Corte Costituzionale del 9 aprile 2014, n. 162 che ha dichiarato l'illegittimità del divieto di fecondazione eterologa sancito dalla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 che detta norme in materia di procreazione medicalmente assistita.
Il provvedimento approvato dalla Giunta regionale riconosce che la donazione di cellule riproduttive da utilizzare nell'ambito delle tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo, debba essere connotato come un atto volontario, altruista, gratuito, rivolto esclusivamente al bene della "salute riproduttiva" di un'altra coppia, per il quale atto non potrà essere prevista alcuna retribuzione economica per i donatori, né potrà essere richiesto alla ricevente contributo alcuno per i gameti ricevuti.
Il documento recepito ieri dalla Giunta individua i requisiti per i centri autorizzati alla pratica della fecondazione eterologa, sia pubblici che privati, i requisiti soggettivi per le coppie che possono usufruire della donazione, le indicazioni cliniche per la fecondazione eterologa, la selezione dei donatori maschili. Il provvedimento approvato dalla Giunta demanda al Servizio Programmazione sanitaria della Regione Abruzzo, il compito di attuare tutti gli adempimenti contenuti nel documento approvato dalla Conferenza delle Regioni.
L’assessore Silvio Paolucci: «poiché il Governo ha ritenuto di non dover intervenire con un proprio provvedimento in una materia così delicata per le sue implicazioni etiche e morali, lasciando al Parlamento tale competenza, è stato concordato di definire, in attesa che il legislatore legiferi in materia, un accordo interregionale che sarà recepito dalle singole regioni».