POLITICA

Idv Abruzzo, Mascitelli lascia segreteria regionale

«Il partito può fare ancora molto in questa regione»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1259

Idv Abruzzo, Mascitelli lascia segreteria regionale

Mascitelli




ABRUZZO. Nel corso della riunione di sabato dei coordinamenti regionale e provinciali dell'IdV, convocata per esaminare le prossime iniziative regionali, il segretario regionale Alfonso Mascitelli ha comunicato al suo partito la decisione di lasciare, con un anno di anticipo, l'incarico di segretario regionale.
Lo statuto nazionale prevede l'indizione di un nuovo congresso nei successivi quattro mesi dalla presentazione delle dimissioni.
«Ho trascorso nove anni alla guida del partito - ha dichiarato Mascitelli -, anni che ci hanno visto come Idv in prima fila in molte battaglie, dentro e fuori le istituzioni, e che non sono mai state interrotte neppure nei momenti più difficili. Abbiamo vinto la sfida, qui in Abruzzo, sulla quale nessuno avrebbe scommesso, di essere parte attiva nella ricostruzione di un centrosinistra vincente e di riuscire ad esprimere un nostro rappresentante in Consiglio Regionale, ora è arrivato il momento di passare il testimone perché altri abbiano tutto il tempo necessario per maturare compiti di responsabilità con passione e competenze».
«Per me è stata una esperienza importante della mia vita, di cui ringrazio tutti i nostri iscritti, Antonio Di Pietro e il segretario nazionale Ignazio Messina, con il quale avrò un incontro nei prossimi giorni a Roma. Con lui concorderemo tutto quello che potrà essere utile per evitare interruzioni o spazi vuoti nell'attività del partito, perché l'Idv può fare ancora molto per l'Abruzzo».
Alle scorse elezioni regionali Mascitelli ha affrontato le primarie per il ruolo di candidato governatore scontrandosi con Franco Caramanico (Sel) e Luciano D’Alfonso che alla fine ha trionfato con oltre il 70% dei voti.
Alla prova dell’urna i partiti di Mascitelli e Caramanico hanno portato a casa molto poco. Appena il 2,1% l’Italia dei Valori e il 2,4% Sel. In pratica da soli non avrebbero nemmeno superato lo sbarramento e dunque non sarebbero entrati in Consiglio. Alla fine, invece, Sel è riuscita a piazzare un assessore regionale, Mario Mazzocca (ex Pd) mentre l’Italia dei Valori è rimasta fuori dalla giunta ma si è dovuta accontentare di un consigliere regionale (Lucrezio Paolini). Nelle prime settimane si parlò della direzione dell’agenzia sanitaria per Mascitelli che però fino a questo momento è rimasto a bocca asciutta.