AMBIENTE

Caccia: associazioni chiedono a Regione di migliorare calendario

Giovedì la bozza arriva in Consiglio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1269

caccia




ABRUZZO. Giovedì la bozza di calendario venatorio predisposta dalla Regione Abruzzo sarà esaminata per la obbligatoria Valutazione di Incidenza (Vinca) dal Comitato VIA.
Le associazioni WWF, LIPU, Salviamo L'Orso, Legambiente, Pro Natura e Mountain Wilderness hanno presentato una serie di osservazioni con cui - hanno spiegato stamani in conferenza stampa a Pescara - chiedono di migliorare il calendario, a dimostrazione di un reale cambiamento della gestione della caccia rispetto a quella pessima della passata Giunta regionale, battuta 14 volte in cinque anni in sede giudiziaria «per una incomprensibile insistenza (con spese legali a carico dei contribuenti) in scelte contrarie alla normativa».
«Il calendario 2014-15, nella attuale stesura, ricalca e per alcuni versi persino peggiora i precedenti», e' stato affermato.
Le sei associazioni ambientaliste insistono «sulla necessita' di dare la necessaria tutela ad alcune specie di uccelli in cattivo stato di conservazione nonche' di intervenire con urgenza per l'Orso marsicano, simbolo dell'Abruzzo, a grave rischio di estinzione, la cui tutela e' una priorita' assoluta, condivisa in tutto il mondo, di fronte alla quale il calendario venatorio deve essere necessariamente adeguato. E' in particolare indispensabile prevedere che, nell'intera area di distribuzione individuata nell'accordo PATOM (Piano d'Azione per la Tutela dell'Orso Marsicano), sottoscritto dalla Regione Abruzzo insieme al Ministero per la tutela dell'Ambiente e ad altri Enti, l'attivita' venatoria venga limitata a periodi e modalita' compatibili con la tutela del plantigrado (evitando ad esempio di aprire la caccia al Cinghiale prima del primo novembre) concetto ribadito ampiamente dall'ISPRA e in sentenze del TAR».

L’ORSO
Tra l'altro il 27 marzo scorso - ricordano le associazioni - le Regioni Abruzzo, Lazio e Molise hanno firmato un 'Protocollo di intesa per l'attuazione di azioni prioritarie per la tutela dell'Orso bruno marsicano' nel quale si ribadisce la particolare importanza della regolamentazione dell'attivita' venatoria nell'areale dell'orso per limitarne l'impatto sulla specie.
E poi il 28 maggio scorso e' stato stipulato tra il Ministero dell'Ambiente e le maggiori Associazioni venatorie italiane un 'Protocollo per la tutela dell'Orso bruno marsicano e il miglioramento della gestione venatoria 2014/2018', con cui, per la prima volta, anche le Associazioni venatorie s'impegnano a sostenere, nelle aree di presenza dell'Orso, le limitazioni indicate dalle prescrizioni del PATOM, ossia il divieto immediato di caccia in braccata, tecniche di prelievo a minor impatto, esclusione della preapertura, eliminazione dei ripopolamenti a scopi venatori, limitazione adeguata delle aree e dei tempi di allenamento dei cani da caccia.
Per le altre questioni relative al calendario venatorio, in sintesi, gli ambientalisti chiedono: una maggiore attenzione alla tutela della Lepre italica (Lepus corsicanus), preziosa specie endemica, non cacciabile, difficilmente distinguibile dalla Lepre comune con cui in molte aree convive; di ristabilire i periodi di caccia indicati dall'ISPRA per le specie Tordo bottaccio, Tordo sassello, Cesena, Beccaccia, e piu' in generale un adeguamento a quanto deciso a livello comunitario per la tutela degli uccelli selvatici, evitando in particolare la preapertura della caccia a Quaglia e Tortora, per le quali l'Unione Europea ha chiesto la protezione totale, in quanto in cattivo stato di conservazione, tutelando altre specie, come la Coturnice e l'Allodola, e non dando alle Province la possibilita' di consentire la caccia al Colombaccio nella prima decade di febbraio; una moratoria temporale all'utilizzo per la caccia agli ungulati di munizioni contenenti piombo, molto pericolose per la salute umana e per gli animali selvatici necrofagi; la conclusione alle 14.30 della caccia al cinghiale nei territori che ospitano i dormitori del Nibbio reale (Milvus milvus), specie particolarmente protetta a livello comunitario.