IL FATTO

Abruzzo. Non ha soldi per curare rara malattia, M5S: «la Regione intervenga»

Il consigliere regionale Mercante lancia un appello a Paolucci

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1419

Abruzzo. Non ha soldi per curare rara malattia, M5S: «la Regione intervenga»

Riccardo Mercante





PINETO. Affetto da una malattia rara di natura degenerativa potrebbe condurre una vita quasi normale grazie ad un farmaco facilmente reperibile ma troppo costoso per le sue finanze.
E' questa la storia di un 57enne, residente a Pineto, in attesa di pensione, costretto a vivere lontano dalla sua famiglia ed abbandonato completamente dalle istituzioni.
La vicenda la racconta il consigliere regionale del M5S, Riccardo Mercante, che ha avuto modo di raccogliere personalmente la triste testimonianza. Attualmente senza reddito, l’uomo non ha la possibilita' di sborsare gli 800 euro bisettimanali necessari all'acquisto del farmaco Fampyra 10 mg RP che gli consentirebbe la cura della propria patologia. «In tali disperate circostanze mi ha manifestato l'intenzione di ricorrere ad un gesto estremo», racconta Mercante.
«Era il 25 marzo 2010 - ricorda il consigliere regionale - quando con deliberazione del commissario ad acta, Gianni Chiodi, la Regione Abruzzo sospendeva l'erogazione gratuita di farmaci di fascia C in favore di soggetti affetti da malattie rare che non fossero gia' sottoposti a trattamento terapeutico. La successiva Legge regionale 38/2010, pur prevedendo uno stanziamento annuale di 200.000 euro per Lea aggiuntivi, non ha mai trovato concreta applicazione essendo la Regione Abruzzo sottoposta a piano di rientro. Tutto questo ha comportato gravi difficolta' per i soggetti colpiti da malattie rare costretti a sborsare cifre considerevoli ed a volte proibitive per l'acquisto di farmaci essenziali alla loro vita quotidiana. E' vero che dal 23 maggio scorso e' in vigore un decreto commissariale che garantisce ai pazienti abruzzesi affetti da malattie rare l'erogazione gratuita, a carico del bilancio regionale, di farmaci off-label e farmaci di fascia C e C-bis».

«Pur tuttavia - sostiene il consigliere regionale - le inefficienze continuano, tanto che ad oggi all'uomo e' negata la possibilita' di curarsi. Sollecito pertanto il dirigente responsabile del distretto sanitario di Atri Salvatore Prosperi, che non cita nel diniego comunicato il 6 agosto scorso al malato il decreto appena citato, affinche' venga individuata, in tempi brevissimi, una soluzione che possa consentire all'uomo ed a tutti gli altri pazienti che si trovino nella stessa situazione di usufruire dei farmaci necessari a curare le varie patologie. Occorre fare in modo - ha spiegato, inoltre, Mercante - che il tanto sbandierato risanamento dei conti della sanita' abruzzese non rimanga uno slogan da campagna elettorale ma si traduca concretamente in un efficientamento delle strutture sanitarie e in un miglioramento dei servizi ai cittadini. Non e' possibile continuare ad assistere ad interminabili ore di fila al pronto soccorso, all'accorpamento od allo smantellamento indiscriminato nei vari presidi ospedalieri di reparti di fondamentale importanza, ad assunzioni spesso illegittime per 'chiamata', alla perdurante riduzione dei servizi di assistenza in favore della categorie svantaggiate e dei soggetti affetti da disabilita' o malattie invalidanti».
«La Regione Abruzzo, ad oggi, e' l'unica in Italia a non consentire l'erogazione gratuita di farmaci ai pazienti affetti da malattie rare», denuncia il grillino che lancia un appello all'assessore regionale Silvio Paolucci: «da oggi ha una responsabilita' in piu', e' quello di voler dare la giusta priorita' alla risoluzione di tutte quelle problematiche che da troppo tempo affliggono la sanita' abruzzese e di cui fanno le spese soprattutto i cittadini rispetto alle questioni, sia pur rilevanti, di carattere amministrativo e burocratico di cui si sta animatamente discutendo in questi giorni».