CENSURE

Abruzzo. D’Alfonso e Febbo a braccetto sulla caccia. Wwf:«ecco cosa non va bene»

« Assurdo riproporre un calendario venatorio identico a quello dello scorso anno»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1738

CACCIA, CACCIATORE





ABRUZZO. Quattordici sono state –secondo il Wwf- le sconfitte giudiziarie nel quinquennio della Giunta Chiodi-Febbo in materia di caccia, un record per l'Italia, un numero talmente elevato che  fa capire a qualunque cittadino in quale modo finora l'ambiente e la fauna selvatica siano stati gestiti dalla politica regionale.
Insomma «un disastro» nella pianificazione faunistico-venatoria che ha prodotto diversi richiami dei giudici amministrativi a seguito delle istanze del WWF e di altre associazioni ricorrenti.
Il Wwf –spiega oggi una nota-  si sarebbe atteso dal nuovo governo regionale «un cambio di passo deciso, per convinzioni ma anche semplicemente per un atteggiamento meno testardo e più ragionevole, nel rispetto di quanto disposto dalla magistratura in questi anni».
«L'ufficio Caccia della Regione», spiega Luciano Di Tizio, delegato regionale del Wwf Abruzzo, «ha da pochi giorni presentato una proposta di calendario venatorio che rappresenta purtroppo una totale e inaccettabile continuità con il passato: si tratta in pratica dello stesso testo dello scorso anno. Chiediamo all'assessore Dino Pepe un deciso cambio di passo rispetto al suo predecessore e scelte coraggiose per il nuovo calendario venatorio. Un cambiamento che, ne sono certo, sarebbe apprezzato anche da quella parte del mondo venatorio che è sensibile ai temi ambientali e che non interpreta la caccia come un malsano massacro senza regole».

Il coordinatore delle Guardie ambientali e del "gruppo caccia" del WWF Abruzzo, Claudio Allegrino, scende nel dettaglio per denunciare alcune delle maggiori criticità del calendario proposto: «Tra le diverse questioni che non possono essere accettate dal Wwf segnalo, ad esempio, la pre-apertura  della caccia ad alcune specie già dai primi di settembre e  il posticipo della chiusura al mese di febbraio, periodi in cui molte specie sono ancora i fase di nidificazione (settembre) o all'inizio della migrazione prenuziale (febbraio). È intollerabile estendere i periodi di caccia anche in considerazione delle gravi lacune pianificatorie dell'Ufficio Caccia regionale. L'Abruzzo continua a basarsi su un Piano Faunistico Venatorio Regionale scaduto da diversi anni e ormai superato. È inoltre inaccettabile l'estensione del periodo di caccia a diverse specie, provvedimento per il quale già l'anno scorso l'ISPRA (l'istituto che per legge deve fornire supporti tecnico-scientifici sui calendari venatori regionali) ha espresso parere sfavorevole in quanto, per diverse specie, i periodi e le modalità di prelievo riportati nel calendario venatorio abruzzese risultavano essere più estesi rispetto a quelli ammessi».

L’associazione sottolinea inoltre anche la mancata tutela delle aree in cui vi è la presenza dei pochi esemplari di orso bruno marsicano rimasti.
«Di fronte a una situazione di emergenza come quella che sta vivendo l'orso bruno marsicano, specie simbolo dell'Abruzzo, nota e seguita in tutto il mondo, è del tutto indispensabile – conclude il presidente Luciano Di Tizio - prevedere una protezione della specie nell'intero areale di distribuzione individuato nell'accordo PATOM, che si ricorda è stato sottoscritto dalla stessa Regione Abruzzo insieme al Ministero per la tutela dell' Ambiente e altri Enti , limitando in tali spazi la presenza dell'attività venatoria a periodi e modalità compatibili con la tutela del plantigrado».


CRONISTORIA DELLE SCONFITTE GIUDIZIARIE IN MATERIA VENATORIA DELLA GIUNTA CHIODI E DELL'ASSESSORE FEBBO
 
1.    SETTEMBRE 2009 - Il TAR Abruzzo con ordinanza depositata il 03 settembre 2009 accoglie pienamente il ricorso del' Associazione WWF ricorrente avverso il calendario venatorio 2009/2010 annullando le scelte della Giunta Regionale sulla preapertura alla Quaglia e sul posticipo della caccia alla Beccaccia.
2.    OTTOBRE 2009 - Il TAR Abruzzo con ordinanza del 14 ottobre 2009 accoglie il ricorso delle associazioni Animalisti Italiani e della LAC avverso il Calendario venatorio regionale 2009/2010. Il TAR ha "Considerato che pare fondata la censura di difetto  di motivazione della DGR impugnata, nella parte in cui quest'ultima non ha dato adeguata contezza delle ragioni di dissenso rispetto alle concludenze consultive dell'ISPRA"-
3.    DICEMBRE 2010 - Con ordinanza del 02 dicembre 2010 il TAR Abruzzo boccia la Regione Abruzzo a seguito del ricorso presentato dagli ambiti territoriali di caccia dell'Aquila, Barisciano, Avezzano e Roveto-Carseolano che contestavano il nomadismo venatorio introdotto con la mobilità dei cacciatori per la fauna migratoria. Il TAR: "La disposizione impugnata è inoperativa, inefficace, inapplicabile e ha ritenuto rilevanti e non manifestamente infondati i dubbi di costituzionalità sollevati col ricorso. Ci si augura che, per il futuro, il legislatore tenga presenti i princìpi generali che regolano la materia, conservazione dell'ambiente e tutela della fauna».
4.    OTTOBRE 2011 - Il TAR ABRUZZO sul ricorso presentato da Ass. Animalisti Italiani, WWF e LAC sospende con ordinanza del 27/10/11 parte del Calendario Venatorio 2011-2012 censurando la Regione Abruzzo che ha completamente stravolto i periodi di caccia per le singole specie che erano stati suggeriti dall'ISPRA, allungando il periodo di caccia per ben 27 di queste. Il Tar ha ritenuto che la Giunta regionale non ha motivato adeguatamente tutti questi abnormi scostamenti dai periodi indicati dall'ISPRA. Inoltre il TAR ha censurato la Regione anche sugli orari di caccia. La Giunta regionale, per adeguarsi parzialmente alle indicazioni dei giudici emana ben quattro versioni diverse di calendario venatorio.
5.    FEBBRAIO 2012 - La Corte Costituzionale con sentenza n. 20/2012 dichiara illegittima la legge della Regione Abruzzo 10 agosto 2010, n. 39 (Norme per la definizione del calendario venatorio regionale per la stagione venatoria 2010/2011), a seguito di richieste di impugnativa pervenute al Governo. La Corte sancisce in maniera univoca che i calendari possono essere emanati solo con atto amministrativo e non con legge-provvedimento.


6.    GIUGNO 2012 - Il TAR Abruzzo il 25/06/2012 deposita sentenza di merito sul ricorso presentato da Ass. Animalisti italiani, WWF e LAC. Vengono bocciati dai giudici diversi punti del Calendario Venatorio 2011-2012 tra i quali la caccia alle specie in declino (SPEC); la relazione tecnica dell'Assessorato competente, definita inidonea; l'uso delle munizioni al piombo; le iniziative a tutela dell'orso dalla caccia che non ne garantiscono la salvaguardia. Sollevata e rimandata alla Corte Costituzionale la questione di legittimità costituzionale della legge regionale sul comparto unico sulla migratoria.
7.    SETTEMBRE 2012 – Con decreto urgente dell' 08/09/12 (n. 226/12) "inaudita altera parte" il TAR Abruzzo sospende parti significative del calendario venatorio 2012-2013. Il TAR ha riconosciuto il grave pericolo derivante dalle scelte fatte dalla Giunta Regionale sull'orso, sulla caccia nei siti della Rete Natura2000 SIC e ZPS e per diverse specie a sfavorevole status di conservazione, come Allodola, Quaglia, Tortora, Beccaccia, Marzaiola, Beccaccino, Moriglione e Pavoncella.
8.    OTTOBRE 2012 - Il TAR Abruzzo con ordinanza del 10/10/2012 conferma le censure al calendario venatorio indicate nel decreto cautelare monocratico dell' 8 settembre (n. 226/12) alle quali si aggiunge anche la bocciatura delle iniziative intraprese  dalla Giunta Regionale sull'utilizzo delle munizioni senza piombo, ritenute inadeguate.
9.    NOVEMBRE 2012 - Il 07 novembre 2012 il TAR Abruzzo accoglie con sentenza n. 589 il ricorso della Lega per l'Abolizione della Caccia (LAC) e dell'Associazione Vittime della Caccia ed emette ordinanza di sospensiva avverso al calendario venatorio 2012-2013 in merito alla caccia al fagiano nel mese di dicembre e ed al tempo chiusura della caccia alla beccaccia.


10.    NOVEMBRE 2012 – Con ordinanza del Consiglio di Stato del 21 novembre 2012 viene respinto il ricorso di Federcaccia contro la bocciatura del calendario venatorio della Regione Abruzzo operata dal TAR  L'Aquila. Si conferma, quindi, la validità della sospensiva del TAR che, su ricorso del WWF e degli Animalisti Italiani, aveva largamente censurato il calendario venatorio varato dalla Giunta regionale su valutazione di Incidenza, uso di munizioni al piombo, specie in declino e caccia nelle aree importanti per l'Orso bruno marsicano.
11.    DICEMBRE 2012 - Con sentenza n. 310 del 12 dicembre 2012, depositata in cancelleria il 20 dicembre 2012, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'articolo 5, commi 1, 2 e 3 della legge della Regione Abruzzo 13 dicembre 2011, n. 43, recante "Modifiche alla legge regionale 11 agosto 2011, n. 28...". La Corte ha infatti rilevato che il calendario venatorio è stato illegittimamente approvato per legge anziché con atto amministrativo, e che la stagione di caccia al cinghiale è stata illegittimamente prolungata oltre quanto consentito dalla legge nazionale.
12.    GIUGNO 2013 – Il TAR Abruzzo con sentenza n. 606 del 21/06/13 censura il calendario venatorio della Regione Abruzzo 2009/2010 per avere disatteso le indicazioni dell'ISPRA  (periodi di caccia e sostenibilità della caccia ad alcune specie di fauna stanziale)  senza motivazione ed in assenza di dati scientifici da parte dell'ente regionale. La sentenza evidenzia che la grave carenza di dati sulla fauna della Regione Abruzzo che "affievolisce le potestà regolatorie ed autorizzatorie nella soggetta materia" da parte dell'ente regionale.
13.    GIUGNO 2013 – Con sentenza n. 142 del 17 giugno 2013 la Corte Costituzionale accoglie il ricorso di WWF e Animalisti Italiani e sancisce l'illegittimità costituzionale dell'articolo 43, commi 6, 6-bis e 6-ter, della legge della Regione Abruzzo 28 gennaio 2004, n. 10 (Normativa organica per l'esercizio dell'attività venatoria, la protezione della fauna selvatica omeoterma e la tutela dell'ambiente) ritenendo il "comparto unico alla migratoria" in evidente contrasto con la normativa nazionale ed i principi "delle peculiarità ambientali, naturalistiche e umane afferenti ai singoli contesti territoriali".
14.    LUGLIO 2013 – Con sentenza n. 669 dell'11/07/13 il TAR Abruzzo riduce il periodo di caccia della specie fagiano sancendo l "illegittimità delle misure di caccia deliberate dalla Regione, in contrasto immotivato con il parere Ispra" a causa "del carente monitoraggio di dati scientifici a disposizione della Regione procedente accogliendo il ricorso presentato dalla LAC e Associazione Vittime della Caccia.