AMBIENTE

Abruzzo, vaccini per cani per salvare l’orso

Finanziato il progetto ‘Caring for dogs saves the bears’

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1738

PARCO NAZIONALE




ABRUZZO. Finanziato il progetto “Caring for dogs saves the bear” di Salviamo l’Orso.
Dopo il progetto di sicurezza stradale, Patagonia (il noto marchio di abbigliamento sportivo) e la fondazione americana Tides finanziano un altro progetto di Salviamo l’Orso. Il progetto ‘Caring for dogs saves the bears’ (Aver cura dei cani salva l’orso), ideato e proposto dal veterinario Adriano Argenio e curato nella versione inglese da Mario Cipollone, socio fondatore di Salviamo l’Orso, riguarda la vaccinazione straordinaria dei cani da lavoro e da compagnia contro parvovirosi, cimurro ed epatite infettiva nelle zone del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e della sua Zona di Protezione Esterna non ancora coperte durante la campagna sanitaria eseguita nell’ambito dell’Azione C2 del Progetto Life ARCTOS “Conservazione dell’orso bruno: azioni coordinate per l’areale alpino e appenninico”.
Il rischio sanitario per la popolazione superstite di orso marsicano di contrarre patologie mortali dall’interazione con gli animali domestici è stato drammaticamente confermato dalla morte di un’orsa per tubercolosi bovina nel comune di Gioia dei Marsi nel marzo scorso, ma non solo nel 2013 un’epidemia di cimurro aveva ucciso diversi esemplari di lupo e, per scongiurare il potenziale contagio di questa malattia dai cani agli orsi, Salviamo l’Orso aveva già aderito alla campagna di vaccinazioni “Il cane…il miglior amico dell’orso”, acquistando d’urgenza 500 dosi di vaccini ai quali si sarebbero aggiunte le 7.000 finanziate dall’Ufficio Conservazione della Natura della Regione Abruzzo per lo svolgimento della suddetta Azione C2 del Life ARCTOS in collaborazione con il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e con il patrocinio della FNOVI (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Veterinari Italiani).

Il progetto ricade proprio in quest’ambito e si propone di incentivare l’iscrizione all’anagrafe canina e la vaccinazione dei cani che vivono nell’areale dell’orso bruno marsicano, promuovere la conoscenza e la tutela dell’orso bruno marsicano, coinvolgere e orientare le Istituzioni verso un adeguato impegno finanziario e di responsabilità per il controllo del randagismo canino nell’areale dell’orso bruno marsicano.
Per raggiungere questi obiettivi, Salviamo l’Orso provvederà ad acquistare 1.000 microchip da applicare ad altrettanti cani per contrastare il randagismo canino, sosterrà le spese dei medici veterinari, liberi professionisti locali, impegnati nelle operazioni di vaccinazione e microchippatura dei cani e sensibilizzerà i proprietari dei cani a non lasciarli liberi se non sotto stretto controllo.