L'ERA D'ALFONSO

Abruzzo. La nuova mappa del Consiglio: Pd in 11, 6 monogruppi e 2 donne

Sclocco eletta, per lei un posto in giunta. Ok anche per Lolli

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3826

Abruzzo. La nuova mappa del Consiglio: Pd in 11, 6 monogruppi e 2 donne

Marcozzi e Sclocco




L’AQUILA. Proclamazione fatta, adesso il Consiglio regionale si può mettere al lavoro.
Di sicuro non mancheranno ricorsi da parte dei consiglieri regionali esclusi ma almeno ieri un importante passo avanti è stato compiuto.
Chiusi i conteggi a 17 giorni dal voto, per i verbali inviati in ritardo da alcuni Tribunali alla Corte d'Appello e la complessità della nuova legge elettorale, al Movimento 5 Stelle, sono andati sei e non cinque, come sostenevano dati ufficiosi. Questa new entry ha escluso dall'Assemblea la presenza di Fratelli d'Italia e fa dei 5 stelle il secondo partito dopo il Pd. In tutto i partiti nel Consiglio Regionale d'Abruzzo sono dieci di cui sei monogruppi, quattro in seno alla maggioranza di centrosinistra e due tra le opposizioni. Solo due le donne su 31 consiglieri. Nel precedente Consiglio formato da 45 componenti, ne erano presenti quattro. La rappresentanza 'rosa' di questa X Legislatura vede la presenza di una donna nella maggioranza, la riconfermata Marinella Sclocco, 38 anni, del Pd e una nella minoranza, Sara Marcozzi, 36 anni, che è stata anche candidata alla presidenza della Giunta, arrivata terza.
Sclocco rappresenta un tassello decisivo per la Giunta del presidente proclamato, Luciano D'Alfonso e le dovrebbe essere assegnata la delega agli Affari Sociali. La squadra di governo è ancora in fase di studio anche se da giorni si rincorrono le varie opzioni. Di Pangrazio dovrebbe ottenere la presidenza del Consiglio, scippata all’ultimo a Donato Di Matteo, a Silvio Paolucci Sanità e Bilancio, all’aquilano esterno Giovanni Lolli la vice presidenza e l’assessorato alla Ricostruzione.

LA MAPPA DEI PARTITI
Nella mappa dei partiti il Pd è il primo con ben 11 consiglieri, altra sorpresa perché i dati ufficiosi ne accreditavano dieci.
Ieri è scattato l'undicesimo e a farne le spese è stato il secondo consigliere della lista civica Abruzzo Facile, Alessio Monaco, nella circoscrizione di Chieti, dove è entrato il democrat Antonio Innaurato. Nella precedente legislatura la maggioranza del Pdl, ora scomparso, aveva 25 consiglieri. Forza Italia è il terzo partito con cinque consiglieri, compreso il presidente uscente, Gianni Chiodi; Abruzzo Civico quarto partito, secondo in maggioranza, guidato dall'ex direttore del Tg1 Giulio Borrelli, con due consiglieri. Quindi i monogruppi che passano da quattro a sei: Sel, Regione Facile, Centro Democratico e Idv per la maggioranza di centrosinistra, due per la minoranza, Nuovo centrodestra e Abruzzo Futuro. Il numero dei monogruppi rimarrà invariato perché secondo la legge non è possibile che se ne formino altri in corso d'opera.
Infine un escluso 'eccellente': Giorgio D'Ambrosio, candidato per il Centro Democratico tra polemiche in seguito al clamore mediatico della vicenda della megadiscarica dei veleni di Bussi. Su tutta la composizione del Consiglio pesa la scure dei ricorsi al Tar da parte di chi non è stato eletto per una manciata di voti.

IL PRIMO CONSIGLIO
Il primo consiglio regionale della decima legislatura dovrà essere fissato nel periodo che va dai 10 ai 20 giorni successivi alla proclamazione degli eletti. A convocare la seduta sarà il consigliere più anziano come età che, secondo quanto si è appreso, è il consigliere di Abruzzo Civico Mario Olivieri, che dovrà anche presiedere la seduta.
Nella prima seduta, oltre alla convalida degli eletti ci sarà l'elezione dell'ufficio di presidenza, in particolare con il presidente del Consiglio e i due vice presidenti. Nel consiglio di esordio poi, il presidente della Giunta, Luciano D'Alfonso, presenterà il programma di governo e, come di consuetudine, la nuova Giunta.
Una data che potrebbe essere presa in considerazione è quella di martedì 24 giugno. Intanto, è prevista per venerdì prossimo la data del passaggio di consegne a palazzo Silone all'Aquila, sede della Giunta regionale, tra l'uscente Gianni Chiodi e il neo presidente d'Alfonso.