VERSO IL VOTO

Ballottaggio Montesilvano, ultime promesse e l’incubo dei ‘voltagabbana’

Stasera si chiude la campagna elettorale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2243

Ballottaggio Montesilvano, ultime promesse e l’incubo dei ‘voltagabbana’





MONTESILVANO. Ultimo giorno di campagna elettorale in vista del ballottaggio di domenica prossima.
Centrodestra e centrosinistra sono pronti a battersela fino a mezzanotte prima che scatti il silenzio elettorale. La sfida che lunedì pomeriggio sembrava ormai segnata si è riaccesa negli ultimi giorni, con il Pd rinvigorito dalla presenza e dall’entusiasmo del neo presidente, Luciano D’Alfonso, che vuole tentare il colpaccio di assicurarsi, oltre alla Regione, anche il Comune di Pescara e Montesilvano.
Nel caso di Pescara la strada sembra in discesa, Alessandrini ha chiuso il primo turno in netto vantaggio ma a Montesilvano la distanza è tanta.
Francesco Maragno, candidato sindaco per il centrodestra, e Lino Ruggero, candidato sindaco per il centrosinistra, sono usciti dal primo turno rispettivamente con il 44 per cento circa dei consensi e con il 29 per cento circa dei voti. Dopo la tornata del 25 maggio Attilio Di Mattia, ex sindaco di Montesilvano e candidato sindaco con la lista civica "Montesilvano che vogliamo" (che ha ottenuto il 4 per cento delle preferenze) si e' apparentato con Ruggero, suo vice sindaco nel periodo in cui ha guidato la citta' adriatica. Ruggero chiuderà stasera la campagna elettorale alle 21.30 in piazza San Raffaele Arcangelo con il concerto di Riccardo Fogli e l'esibizione del cabarettista 'Nduccio. Alla serata parteciperanno anche il senatore Giovanni Legnini e il presidente della Regione Luciano D'Alfonso. Maragno, invece, chiudera' al teatro del mare (dalle ore 20.30) con la partecipazione, tra gli altri, del senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.
Ieri due impegni sono arrivati dai referenti nazionali del centrodestra. Per quanto riguarda la sicurezza è arrivato l'impegno del Ministro per l'Interno Angelino Alfano a convocare un tavolo presso il Dicastero, con il capo di gabinetto, per affrontare la questione del numero di agenti delle Forze dell'Ordine presenti in Città» A portare l'istanza all'attenzione del Ministro Alfano è stata la senatrice Chiavaroli.
Per quanto riguarda invece la tematica dell'ambiente, è stato annunciato l'impegno per accelerare l'iter di installazione delle barriere fono assorbenti lungo il tracciato ferroviario. A condurre la battaglia in questi mesi è stato Mauro Orsini, coordinatore cittadino di Montesilvano Futura, presente alla conferenza. «Abbiamo sollecitato l'intervento del Ministero delle Infrastrutture e grazie all'interessamento della senatrice Chiavaroli contiamo di risolvere un annoso problema che riguarda migliaia di persone», ha detto Orsini, «siamo arrivati con impegno costante alla fase finale dell'iter. Appena giungeranno i finanziamenti potremo far partire gli interventi».
Maragno ha poi rilanciato l’idea della Casa del Volontariato presente nel suo programma, spiegando che si tratterebbe di una struttura dove far coabitare tutte le associazioni di volontariato che operano a Montesilvano creando anche spazi per la condivisione di proposte ed esperienze.
All’orizzonte, invece, lo sport più praticato in città, ovvero il cambio repentino di casacche. Ottavio De Martinis, consigliere comunale rieletto (ha ricevuto il maggio numero di preferenze) chiede una chiara presa di posizione e dice sì «al buon governo per Montesilvano, no ai voltagabbana».
«Le fughe in avanti di personaggi che, forti delle poche decine di voti conquistati, cercano visibilità e sperano in incarichi, fanno sorridere, soprattutto quando il “pentimento” arriva a poche ore dal voto», dice il consigliere di centrodestra. «Siamo ben felici di liberarci di questi pesi che nel giro di 24 ore cambiano più di una volta idea. Si rivelerebbero d'intralcio all'azione di buon governo di Montesilvano che intendiamo avviare dal 9 giugno».

De Martinis risponde anche al comunicato del duo Di Mattia – Ruggero. «Si vantano di aver evitato una stangata eppure le nostre bollette sono aumentate dell'11 per cento a fronte di un servizio che è palesemente peggiorato, come dimostra anche la diminuzione della percentuale della raccolta differenziata. Basta chiedere a chiunque per avere sempre la stessa risposta: i bidoni sono pochi e stracolmi fino alla tarda mattinata. Il termine più corretto per definire le dichiarazioni dei due è “surreale”».

Perplessità vengono espresse anche da Alessandro Di Marcoberardino, candidato per il rinnovo del Consiglio Comunale nella Lista “Fratelli d’Italia”, che prende le distanze da Maragno e appoggia Ruggero: «le premesse di rinnovamento del quadro dirigente cittadino, proposte dal centrodestra dopo la brusca interruzione della Giunta Di Mattia, rischino di restare in larga parte disattese in conseguenza della eccessiva riproposizione di personaggi della scena politica locale che hanno fatto della mistificazione e del cambio di casacca la propria principale occupazione, con l’unico obiettivo di riproporre loro stessi piuttosto che una nuova visione della politica cittadina».
Roberto Pasquali, vice presidente Consiglio Provinciale Pescara sostiene invece che un'eventuale affermazione del centrodestra determinerebbe per Montesilvano una condizione di isolamento rispetto al quadro regionale e nazionale: «in una città che si troverebbe slegata dal contesto di omogeneità dei Comuni vicini e dal Governo della Regione Abruzzo, non è facile immaginare un futuro di sviluppo e prosperità».