ECONOMIA E CRISI

Produzione industriale Abruzzo, dopo due anni tornano segnali positivi

Produzione 2,9%, fatturato 2,6%, fatturato estero 2,8%

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3487

Produzione industriale Abruzzo, dopo due anni tornano segnali positivi




ABRUZZO. Dopo quasi un biennio negativo, nei primi mesi del 2014 la produzione industriale abruzzese torna a crescere e vi sono segnali positivi in tutti gli altri indicatori congiunturali.
L’analisi congiunturale del primo trimestre 2014 sull’industria manifatturiera è stata effettuata su un campione di 453 im-prese con almeno 10 addetti.
Il primo trimestre del 2014 ha fatto registrare un incremento tendenziale della produzione industriale del 2,9% e del 3,7% rispetto all’ultimo trimestre dell’anno precedente.
L’analisi per classe dimensionale fa emergere una dinamica particolarmente positiva della produzione per le grandi imprese (7,9%), seguite dalle medie (1,6%), mentre le microimprese hanno fatto registrare ancora un calo tendenziale del -1,7%.
Sotto il profilo settoriale, su tutti risalta la performance dei mezzi di trasporto che hanno fatto registrare un incremento del 10,5% su base annuale e di circa il 20% rispetto all’ultimo trimestre dell’anno scorso. Sotto il profilo territoriale questo andamento spiega il positivo risultato della provincia di Chieti che ha trainato il resto della regione compensando, in particolare, il negativo andamento della provincia aquilana.
Anche il comparto della farmaceutica ha fatto registrare un risultato positivo con una crescita tendenziale del 5% circa. Il raggruppamento dei beni alimentari ha confermato un trend positivo, pur continuando a scontare una leggera perdita in termini occupazionali. Anche nel comparto delle lavorazioni tradizionali la situazione di difficoltà sembra essersi sensibilmente attenuata: in particolare, sono da accogliere favorevolmente i segnali provenienti dalla domanda internazionale, che è aumentata più intensamente rispetto a quella interna.
Tuttavia, occorrerà attendere che questi segnali si stabilizzino per poter osservare e valutare in maniera meno approssimativa la direzione e l’intensità dei cambiamenti che hanno interessato l’industria regionale negli ultimi mesi.

PERMANE CALO OCCUPAZIONALE
Permane un contesto di calo occupazionale, che tocca soprattutto le piccole imprese e quelle di maggiori dimensioni.
Le valutazioni degli operatori sui prossimi mesi volgono all’ottimismo: è un dato rilevante, da interpretare con cautela in quanto limitato ad un solo trimestre, ma positivo considerato il ruolo che le aspettative hanno come precondizione e fattore di sviluppo.
«Senza enfatizzare troppo gli andamenti analizzati lo scorso trimestre, l'arresto di una tendenza negativa che durava da circa due anni deve es-sere opportunamente messo in risalto - sottolinea il Presidente del Cresa Lorenzo Santilli. Esso ci indica che il tessuto economico abruzzese ha probabilmente intrapreso un cammino, se non di vera e propria ripresa, almeno di riequilibrio rispetto alla situazione precedente, che consente agli imprenditori di riprendere fiato e riorganizzarsi guardando con maggiore fiducia al futuro».
«Siamo infatti alla vigilia di importanti decisioni che tracceranno la direzione di marcia della regione nel prossimo decennio - evidenzia il Direttore Francesco Prosperococco. Le risorse che saranno stanziate per il periodo 2014-2020, ed il relativo cofinanziamento nazionale, dovranno essere utilizzate in modo più tempestivo ed efficace rispetto al bilancio europeo che si è appena chiuso. Ciò è reso indispensabile dall’urgenza di rilanciare lo sviluppo e la coesione territoriale ma, soprattutto, dalla necessità di contribuire, mediante un riscatto della qualità dell’azione pubblica, alla ri-presa della produttività in tutte le aree della regione».