SPENDING REVIEW

Rai Abruzzo, Provincia Chieti approva mozione per dire no alla chiusura

Di Giuseppantonio: «atto formale e trasversale»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1130

Rai Abruzzo, Provincia Chieti approva mozione per dire no alla chiusura





CHIETI. Approvata all’unanimità, nell’ultima seduta di Consiglio Provinciale, la mozione presentata dal presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, a difesa delle sedi Rai Regionali alla luce della notizia di riorganizzazione del Servizio Pubblico Radiotelevisivo e del rischio di chiusure o accorpamenti anche per la sede abruzzese.
«Abbiamo inserito nell’ordine del giorno del Consiglio provinciale la questione delle Sedi Rai regionali per condividere, con un atto formale e trasversale, la nostra contrarietà al ridimensionamento della nostra sede Rai e in via di principio di tutte le sedi regionali - dichiara il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio - Ho assunto impegni precisi anche in veste di Vicepresidente dell’UPI e Presidente dell’Unione Province Abruzzesi per estendere l’iniziativa a livello nazionale e raccogliere la solidarietà dei Presidenti di Provincia Italiani che ben conoscono gli effetti deleteri delle misure di spending review varate dal Governo sui servizi ai cittadini, in ultimo con il decreto Irpef».

«La Rai, per dovere contrattuale con lo Stato italiano, trasmette da alcune sedi regionali una programmazione più vicina alle popolazioni e alle realtà locali – premette nella mozione il presidente Di Giuseppantonio - la Rai, in Abruzzo, dispone di una sede a Pescara ed una distaccata a L’Aquila nelle quali operano quotidianamente giornalisti, personale tecnico ed impiegati che assicurano, attraverso la loro professionalità ed una presenza costante sul territorio regionale, un servizio pubblico che caratterizza l’informazione a livello locale con equità, capace di riservare attenzione anche alle realtà più periferiche suscettibili di maggior criticità e che altrimenti non avrebbero voce».

«La prospettiva di chiusura o di accorpamento con altra sede Rai regionale – si conclude nella deliberazione - non tiene conto delle esigenze di informazione richiesti al servizio pubblico e che soltanto la presenza di una sede RAI Abruzzo garantisce pienamente. La sede Rai Abruzzo è patrimonio di tutti noi abruzzesi, nato nel segno della Democrazia, e come tale non deve scomparire dallo scenario del Servizio Pubblico Radiotelevisivo».