VERSO IL VOTO

Montesilvano, 7 sindaci in corsa. Di Mattia isolato, Maragno con 7 liste

Abruzzo Civico sta con Ruggiero: «merita supporto»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1993

Di Mattia e Melilla

Di Mattia e Melilla




MONTESILVANO. Sei candidati sindaci per Montesilvano per un totale di 15 liste in corsa per 348 candidati.
Ci riprova anche il sindaco uscente Attilio di Mattia, scaricato dal Partito Democratico. Lo sostiene solo la lista ‘Montesilvano che vogliamo’, a dimostrazione che ormai l’ex amministratore pubblico è isolato.
C’è poi Francesco Maragno che può contare sul sostegno di 7 liste mentre il Partito Democratico ha scelto Lino Ruggero (vicesindaco di Di Mattia) che sarà sostenuto da 4 liste. In corsa anche Lorenzo Colazzilli 38 anni, avvocato, candidato sindaco dell’Altra città che spiega: «Le nostre motivazioni sono spinte da ideali ispirati dall’onestà, dalla partecipazione attiva dei cittadini, dallo sviluppo sostenibile, dalla salvaguardia della salute pubblica, dalla cultura, dall’aggregazione e dalla giustizia sociale»
Poi Manuel Anelli per il Movimento 5 stelle e Marco Forconi, coordinatore regionale Forza Nuova Abruzzo, addetto alla vendita presso libreria e titolare agenzia poste private..
«Affrontiamo una battaglia certamente impari, di fronte alle corazzate di centrodestra e centrosinistra, ma la affrontiamo a testa alta e con le mani pulite», commenta Di Mattia.
«Certamente potremmo non vedere, a breve termine, riconosciute le ragioni di tanto impegno civico ed istituzionale». Insomma secondo l’ex sindaco la sconfitta è dietro l’angolo ma vuole provarci ugualmente.
Errico Di Tillio, vice segretario del circolo Pd di Montesilvano chiede invece a Tony Castricone «perché all'interno del circolo di Montesilvano alcuni hanno pensato che era meglio non far partecipare ed esprimere gli organi deputati a farlo sull' alleanza con i signori Cantagallo, Teodoro, Lotorio e Ruggero e se lui fa parte delle persone che si sono arrogate il diritto di rappresentare un circolo, dove lui non ha nemmeno diritto di voto».
Di Tillio chiede anche di sapere se Catsrizone sia intervenuto «per togliere di mezzo Attilio Di Mattia andando totalmente contro le indicazioni del circolo e del segretario provinciale del Pd, che aveva sempre ribadito che Attilio Di Mattia fosse l'unico candidato naturale per il centro sinistra».
Nella polemica si inseriscono anche i consiglieri di Abruzzo Civico: «troviamo veramente assurda e delirante la posizione del Sel cittadino e dell'ex detentore del potere Di Mattia, ragazzo intelligente, pulito ed onesto, ma un po' smemorato», dicono Fabio Vaccaro, Daniele Scorrano, Enea D'Alonzo e Stefania Di Nicola.
«Le criticità, le difficoltà ed i personaggi che lievitano attorno a questo Comune li conosciamo tutti, ma in pochi ci siamo battuti per contrastarli e per dargli la giusta collocazione», dicono i tre che appoggeranno Lino Ruggero: «Merita sostegno ed aiuto», assicurano, «La città di Montesilvano necessita di interventi immediati e di concretezza, non credo che la spaccatura che Attilio Di Mattia e pochi altri ancora stanno creando, non crediamo vada in questa direzione.