LE PROMESSE

Turismo, il progetto: l’area Adriatica come destinazione di qualità

«In futuro il sistema della rete sarà centrale»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2608

Turismo, il progetto: l’area Adriatica come destinazione di qualità





PESCARA. Il turismo di qualità, le immense risorse che può offrire l’Adriatico e la forza attrattiva dei piccoli centri e dei borghi.
Sono questi gli ingredienti principali della prima Conferenza internazionale sul Turismo di Qualità che vede riuniti a Pescara i partner internazionali del progetto Ipa Adriatico "Adristorical Lands".
«In Abruzzo siamo stati tra i primi a capire la forza di creare un sistema di rete», ha esordito l'assessore al Turismo Mauro Di Dalmazio. «Con la creazione delle Dmc e Pmc abbiamo avviato sul territorio una rivoluzione del modo di pensare il turismo. Una rivoluzione strutturale, che entra nel sistema turismo per restarci e destinata invece a rimanere fuori dal tratto ondivago della politica in materia turistica».
«Un terzo del Pil turismo sta nel comparto cultura - chiarisce Margherita Bozzano docente di marketing turistico alla Uilm e Sole24ore- e su questo bisogna lavorare anche per affinare forme di comunicazioni che possano portare la piccola entità turistica sul panorama del grande mercato turistico. E in questo senso è necessario un impegno della politica con un serio piano nazionale sul potenziamento della rete che elimini il 'digital divide' in modo da permettere a piccoli borghi e centri storici di giocarsi le proprie carte sulla rete».

Ma che cos'è Adristorical Lands? È un progetto comunitario inserito nel programma transfrontaliero Ipa Adriatico che, spiega Giancarlo Zappacosta dirigente della Regione Abruzzo e responsabile del progetto, «propone di identificare l'Adriatico come destinazione turistica unica, creando nuove forme di turismo sostenibile valorizzando alcune significative realtà presenti nell'area adriatica, non comprese nell'offerta turistica tradizionale. Ma la vera forza di questo progetto», prosegue Zappacosta, «è la cooperazione, la collaborazione e soprattutto l'interlocuzione con i territori dell'Adriatico. Abbiamo cercato di aumentare le occasioni per avere un turismo di qualità, identificando in questo senso 20 nuovi itinerari turistici riferiti 6 macro temi. Le strategie di marchio e le strategie di marketing innovativo per il turismo», aggiunge il responsabile del progetto, «sono state sviluppate sulla base degli indirizzi di un piano di marketing comune curato dalla Regione Abruzzo, che ha gestito anche le attività di promozione e di commercializzazione con la partecipazione a fiere internazionali e realizzazioni di 4 educational tour».
Dentro Adristorical Lands ci sono tutti i partner italiani della costa adriatica: Regione Abruzzo, Regione Molise, Regione Marche, Regione Veneta, Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia di Bari e Provincia di Ravenna. Dall'altra parte dell'Adriatico, nella parte orientale, i partner sono: Cantone dell'Herzegovina, Municipalità di Lezha (Albania), Municipalità di Spalato Hvar (Croazia) e Regione Carisco Litoranea (Slovenia). Il prossimo appuntamento di Adristorical Lands parla ancora abruzzese: dal 27 marzo al 1° aprile è infatti previsto un educational tour tra Lanciano e Vasto sui percorsi del turismo religioso.