AGRICOLTURA

L’Abruzzo punta sui giovani agricoltori: contributi per 2 milioni di euro

Previsti 40 mila euro ad ogni singolo imprenditore under 40

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

7023

L’Abruzzo punta sui giovani agricoltori: contributi per 2 milioni di euro




L’AQUILA. La Giunta regionale, nel corso dell’ultima seduta, ha approvato il bando per la Misura 1.1.2 del Programma di Sviluppo Rurale, destinata all’insediamento dei giovani agricoltori.
A questa Misura sono stati destinati inizialmente 2 milioni di euro ma è previsto di incrementare le risorse con l’utilizzo delle economie che progressivamente matureranno sui bandi delle altre misure.

«Questo provvedimento – spiega l’assessore regionale alle Politiche agricole, Mauro Febbo – era molto atteso dal mondo rurale e dimostra ancora una volta come questa amministrazione regionale mantiene gli impegni presi. Abbiamo operato la rimodulazione, previa autorizzazione di Bruxelles, con i fondi derivanti da risorse non utilizzate su altre Misure con l’obiettivo di continuare a utilizzare tutte le dotazioni a nostra disposizione, Attraverso il terzo bando della Misura 112 si creano nuove opportunità per coloro che per questioni anagrafiche o per i limiti relativi all’avvio dell’attività non avrebbero la possibilità di attendere l’inizio della nuova programmazione. La Misura prevede un contributo di 40.000 euro ed è rivolta agli imprenditori under 40».
«Per quanto riguarda il nuovo PSR 2014-2020 – aggiunge ancora Febbo – la nostra intenzione è aumentare la dotazione e portarla a 70.000 euro anche in considerazione dei fondi che avremo a disposizione. Per la prossima programmazione infatti l’Abruzzo, proprio in virtù della nuova posizione conquistata in questi anni, potrà contare su 432 milioni di euro (fondi pubblici a cui si dovranno aggiungere 320/350 milioni di euro di fondi privati, per un totale di circa 800 milioni) con un incremento di 50 milioni rispetto alla programmazione precedente nonostante la consistente diminuzione del budget complessivo assegnato al sistema Italia».

L’Abruzzo punta dunque a ringiovanire il settore primario e a favorire il ricambio generazionale « visto che i più giovani», spiega l’assessore, «hanno mostrato una forte propensione ad avvicinarsi all’agricoltura che, dati alla mano, si conferma fondamentale per il tessuto economico regionale e un fattore chiave per la ripresa. Analizzando i dati relativi ai due bandi precedenti la risposta degli under 40 è stata più che positiva». Le domande complessive ammontavano a oltre 1.200 e la Regione Abruzzo ha messo a disposizione fondi per 39 milioni di euro. La provincia dell’Aquila è stata maggiormente interessata dalla Misura per quanto riguarda gli ettari mentre come numero di beneficiari e di contributo impegnato al primo posto troviamo la provincia di Chieti (quasi 400 beneficiari e oltre 13 milioni di contributi).
Nei criteri di valutazione delle domande pervenute un ruolo importante lo avranno i PAS (Piano Aziendale di Sviluppo) che si basano su priorità qualificanti quali il miglioramento delle condizioni e del benessere degli animali, la qualificazioni dei prodotti, l’innovazione tecnologica e la diversificazione delle attività aziendali. «L’agricoltore - conclude Febbo - è un prezioso custode del nostro territorio e della nostra cultura e per questo la Regione Abruzzo si pone l’obiettivo primario di favorire nuovi ingressi».