AMBIENTE

«Chiodi sospenda iter mega-impianti eolici a Civitaluparella»

Interpellanza di Rifondazione Comunista

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1513

«Chiodi sospenda iter mega-impianti eolici a Civitaluparella»





ABRUZZO. Rifondazione Comunista sostiene la mobilitazione dei cittadini di Civitaluparella, Villa Santa Maria e altri comuni del Medio Sangro contro i mega-impianti eolici.
Il consigliere regionale Maurizio Acerbo ha predisposto un'interpellanza urgente al presidente Chiodi in cui segnala i motivi per cui dovrebbe sospendere l'iter autorizzativo in vista della conferenza dei servizi prevista per il prossimo 6 marzo.
Il quella sede potrebbe arrivare il rilascio della Autorizzazione Unica alla Civitaluparella Wind srl per lavori di realizzazione impianto eolico in Località Colle del Vento a Civitaluparella con annessa mega stazione elettrica nel Comune di Villa Santa Maria.

«La Regione Abruzzo dovrebbe sospendere l’iter al fine di sottoporre il progetto in discussione, insieme agli altri previsti e citati nella interpellanza all’interno della IBA “Monti Frentani-Majella” a procedura di VAS, viste anche le richiese in merito del Ministero e del Segretariato UNEP/CMS», spiega Acerbo.
«Dovrebbe richiedere sempre in sede della prossima conferenza dei servizi del 6 marzo», insiste l’esponente di Rc, «una integrazione di documenti, in merito all’impianto di Civitaluparella Wind, al fine di poter mettere la competente commissione Regionale nelle condizioni di valutare l’incidenza dell’intervento in questione in particolare su nibbio reale, orso, lupo e salamandrina dagli occhiali sulla base di un monitoraggio di almeno un anno, nonché dei chirotteri in osservanza delle Linee Guida Eurobats, in merito a quanto previsto a livello europeo, nazionale e regionale sulla valutazione di piani e progetti sulla rete Natura 2000».
«La Regione Abruzzo», insiste il consigliere di minoranza, «ha il dovere di garantire la riapertura dei termini della procedura per di consentire la partecipazione informata dei cittadini e dei portatori di interesse legittimi al processo decisionale».

Acerbo ricorda a Chiodi che già nel 2010 il Ministero dell’Ambiente – Direzione Protezione della Natura ha inviato alla Regione Abruzzo, un nota in cui facendo riferimento ai numerosi progetti di impianti per le energie rinnovabili, dichiarava «in considerazione del grande numero di progetti (...) dislocati e previsti nella Regione Abruzzo, sembrerebbe opportuno avviare una procedura di VAS, al fine di fornire un quadro esaustivo di tutte le interferenze ambientali sulla base del quale realizzare una programmazione energetica a scala più ampia, allo scopo di garantire uno stato di conservazione soddisfacente del patrimonio ambientale regionale».

Oggi pomeriggio Acerbo parteciperà alle ore 15.30 presso la sala dell’ edificio scolastico di Piazza Marconi all’incontro pubblico con le associazioni ambientaliste ed i comitati cittadini di Villa Santa Maria, Quadri e Pizzoferrato.