VERSO IL VOTO

Regionali. Primarie centrosinistra, c’è anche Caramanico: «sono onorato»

Nuovo senso civico: «una farsa, noi non parteciperemo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3485

Franco Caramanico

Franco Caramanico




ABRUZZO. Anche Franco Caramanico sarà candidato alle primarie per le prossime elezioni regionali.
Il suo nome va ad aggiungersi a quello dell’ex sindaco di Pescara, Luciano D’Alfonso, e dell’esponente dell’Italia dei Valori Franco Caramanico.
Caramanico è stato scelto dall’assemblea regionale di Sel, riunitasi a Pescara, che ha sciolto le riserve decidendo di presentare un proprio rappresentante alla competizione che sceglierà il candidato del centrosinistra alle elezioni del 25 maggio.
«Tutto il mio impegno sarà incentrato sui temi del lavoro e della lotta alla disoccupazione», dice l’ex sindaco di Guardiagrele, 58 anni, una laurea in Ingegneria elettronica e una lunga militanza nel Pci.
«In questi mesi abbiamo predisposto un programma denso e capillare per la rinascita della nostra regione, che tocca tutte le grandi questioni che hanno sempre guidato la mia esperienza politica, l’ambiente, la sanità, la tutela dei diritti e la difesa delle fasce più deboli della popolazione».
Caramanico si dice «onorato» per la scelta fatta dal partito: «ringrazio per la fiducia che mi è stata accordata. Accolgo la sfida con l’idea che ha sempre accompagnato il mio percorso, vale a dire la consapevolezza e la convinzione che la politica sia e debba essere animata da uno spirito di servizio e dalla volontà di fare per bene il bene dei cittadini». 

Caramanico è stato consigliere della Provincia di Chieti e poi nel 2004 eletto al Consiglio regionale. Nominato nel 2005 assessore regionale con delega ai Parchi, al territorio, all’Ambiente e all’energia, è stato componente del Consiglio dell’Istituto nazionale di Urbanistica e vicepresidente della Federazione europea delle agenzie per l’energia. Rieletto in Consiglio regionale nell’attuale legislatura, è presidente del Gruppo Consiliare misto. Sulla sua candidatura hanno dato il proprio assenso esponenti di numerose associazioni e rappresentanti di diverse categorie sociali.
Le primarie si terranno il prossimo 9 marzo , contestualmente alle primarie per la scelta del candidato
sindaco di Pescara e, dopo la caduta di Attilio Di Mattia, forse pure a Montesilvano.
La partecipazione alle Primarie è aperta a tutti gli elettori in possesso dei requisiti previsti dalle legge; ai cittadini dell’Unione Europea residenti. Per poter partecipare alle primarie, tutti gli elettori dovranno sottoscrive l’impegno a sostenere il centrosinistra alle elezioni amministrative.
I seggi sono aperti dalle ore 8.00 alle ore 20.00 di Domenica 9 Marzo.
Ogni elettore per poter esercitare il proprio diritto di voto deve esibire la tessera elettorale e documento d’identità; (per i minorenni e extracomunitari, ricevuta preregistrazione e documento d’identità); contribuire con un contributo volontario di almeno 0,50 euro alle spese organizzative, qualora si scelga di partecipare alle sole primarie comunali. Sottoscrivere, su apposito modulo fornito dal presidente del seggio, una dichiarazione di impegno a sostenere il centrosinistra alle elezioni amministrative.

NUOVO SENSO CIVICO: «UNA FARSA, NOI NON PARTECIPEREMO»

Dopo aver raccolto in pochi giorni in tutte le province le firme necessarie per partecipare alle primarie Alessandro Lanci, presidente di “Nuovo Senso Civico”, annuncia di aver rinunciato perché la competizione sarebbe stata trasformata  «in una farsa».

«Pensiamo infatti», spiega Lanci, «che opporre alla “corazzata” D’Alfonso tre soli contendenti dotati di mezzi e visibilità enormemente inferiori sia una presa in giro per l’intero elettorato. Oltretutto l’ipotesi che circola insistentemente di un rientro in gioco come candidati a prescindere dalle primarie di alti esponenti del Pd nel caso di “infortuni” giudiziari  di D’Alfonso che ne impedirebbero la candidatura (obbligandolo in teoria a lasciare il posto al secondo classificato) accresce la convinzione di una rappresentazione con il copione già scritto».  Il movimento non esclude comunque una  candidatura diretta.