DOPO L'ALLUVIONE

Maltempo Abruzzo, Governo Letta stanzia 15 mln per chi ha subito danni

Gli Enti locali hanno redatto una stima, il Cdm ha dato il via libera

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1196

Maltempo Abruzzo, Governo Letta stanzia 15 mln per chi ha subito danni

Giuliante




ABRUZZO. Il governo Letta ha impegnato 15 milioni di euro per i danni registrati in Abruzzo l’11 novembre e 1 dicembre.
La pioggia e la neve di quei giorni hanno causato danneggiamenti ad edifici pubblici e privati nonché ad infrastrutture ed attività produttive.
Dopo la prima fase di intervento in criticità, la Regione Abruzzo il 3 dicembre ha provveduto a richiedere il riconoscimento dello stato di emergenza alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
I sopralluoghi effettuati dai tecnici del Dipartimento della Protezione Civile nei giorni immediatamente successivi agli eventi alluvionali hanno evidenziato le situazioni più critiche mentre la rendicontazione degli Enti Locali ha prodotto una stima dei danni che è stata inoltrata al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.
Il 24 gennaio scorso il Consiglio dei Ministri ha firmato una delibera: oltre alla dichiarazione di stato di emergenza, è stata impegnata la cifra di 4 milioni di euro per l’attuazione dei primi interventi e che nel Consiglio dei Ministri del 6 febbraio si è provveduto alla integrazione con ulteriori 11 milioni di euro.
Un totale di 15 milioni di euro è dunque a disposizione di quanti hanno subito danni.
«Un ringraziamento va a quanti nel Governo e nel Parlamento hanno reso possibile nel tempo breve di pochi mesi questo risultato che centinaia di cittadini hanno atteso per far fronte alle perdite subite durante l’emergenza maltempo», commenta l’assessore regionale Gianfranco Giuliante.
«In quei giorni», continua Giuliante, «puntuale è stato l’intervento della struttura di Protezione Civile regionale che ha provveduto al coordinamento delle organizzazioni di volontariato, le quali, insieme all’ausilio del personale dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale dello Stato e delle Forze dell’Ordine, si sono spese nel soccorso delle popolazioni interessate e nel ripristino dei servizi essenziali oltre che al monitoraggio delle situazioni di pericolo».