PETROLIO E VELENI

Abruzzo, sigle ambientaliste riunite: «la Regione dica no all’invito della Ue al fracking»

Entro il 6 marzo bisogna inviare le osservazioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2470

Abruzzo, sigle ambientaliste riunite: «la Regione dica no all’invito della Ue al fracking»

Fracking




ABRUZZO. Legambiente Abruzzo, Wwf Abruzzo e No Triv - Abruzzo unite per chiede alla Regione di dire no al fracking.
La fratturazione idraulica è lo sfruttamento della pressione di un fluido, in genere acqua, per creare e poi propagare una frattura in uno strato roccioso. La fratturazione viene eseguita dopo una trivellazione entro una formazione di roccia contenente idrocarburi, per aumentarne la permeabilità e migliorare la produzione del petrolio o del gas da argille contenuti nel giacimento e incrementarne il tasso di recupero.
«Questa tecnica», denunciano gli ambientalisti, «notoriamente causa terremoti e inquinamento grave, di aria e di acqua»

Il gas ed il petrolio di scisto rappresentano per alcuni la nuova frontiera della ricerca di fonti energetiche non convenzionali: l'Europa con la Raccomandazione e Comunicazione Strategica presentata il 22/01/2014 usa l’argomento della decarbonizzazione.

Secondo gli ambientalisti l'Italia viaggerebbe nella confusione, Paolo Scaroni (Eni) apre a questa frontiera con un eloquente "L'Europa apra allo shale gas", il presidente del Consiglio, Enrico Letta, a pochi giorni dal suo insediamento si esprime favorevolmente mentre a settembre scorso, la Commissione Ambiente della Camera ha votato una risoluzione che vietava attività di fracking, detto anche shale gas.

Come spiega il giurista Enzo Di Salvatore il 22 gennaio scorso la Commissione ha presentato una Comunicazione Strategica e una raccomandazione con l’obiettivo di mettere a punto un quadro per la sicurezza e la protezione dell’estrazione di idrocarburi non convenzionali nell’UE.
«Con la sua raccomandazione – che, com’è noto, è un atto non vincolante – la Commissione», spiega ancora Di Salvatore, «invita gli Stati membri – che consentano all’utilizzo di tale tecnica – a valutare l’impatto ambientale e i rischi che le attività relative determinerebbero prima di rilasciare le autorizzazioni».
Entro il 6 marzo le Regioni avranno tempo per inviare le eventuali osservazioni al Governo ai fini della formazione della posizione italiana ai sensi della legge 234/2012, in riferimento alle materie di competenza regionale.

Per Wwf, Legambiente e No Triv «dopo il silenzio-assenso della regione Abruzzo rispetto alla richiesta di numerose Intese riguardanti le istanze di ricerca di idrocarburi su terra ferma, dopo l'ambiguo procedere nella questione Ombrina Mare 2, è necessario ed urgente che la Regione inverta la rotta e non sprechi forse l'unica l'occasione utile per affermare il proprio no all'impiego della tecnica del fracking in Abruzzo, e si attivi nelle opportune sedi affinché anche le altre Regioni esprimano la medesima posizione. Perché se le attività inerenti lo sfruttamento degli idrocarburi convenzionali è notoriamente di certo impatto, il fracking lo è ancora di più, basti pensare che mentre il gas naturale è intrappolato in rocce-serbatoio sotterranee, il gas di scisto, sebbene sia anch’esso un gas naturale, è racchiuso in rocce che devono essere fratturate affinché possano rilasciarlo».
«Tale tecnica», spiegano gli ambientalisti, «comporta l’iniezione di elevati volumi di acqua nell'ordine di 1.000 m3 (1milione di litri) pari o superiore, per fase difratturazione, sino ad 10.000 m3 pari o superiore di acqua per l'intero processo di fratturazione in un pozzo, all'acqua vanno addizionate sabbia e sostanze chimiche, alcune molto tossiche, in modo da fratturare la roccia e facilitare l’estrazione del gas o del petrolio. Una tecnica che oltre ad avere bisogno di volumi d'acqua inammissibili, esercita un impatto micidiale sulle falde acquifere, e genera terremoti».