CLIMA

Abruzzo. Catasto Ghiacciai: il Calderone se la squaglia...

Ecco come evolve l’ultimo ghiacciaio appenninico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2411

Abruzzo. Catasto Ghiacciai: il Calderone se la squaglia...




L’AQUILA. Nel nuovo catasto dei ghiacciai italiani il Calderone modifica la sua classificazione di "ghiacciaio" ed e' stato definito "glacionevato", cioe' una massa di ghiaccio di ridotta superficie e di limitato spessore, che non presenta evidenze di movimento, e che puo' formarsi nelle fasi di deglaciazione dall'evoluzione di ghiacciai preesistenti.
E' quanto emerge dal progetto di ricerca intrapreso dall'Universita' degli Studi di Milano insieme a Levissima, l'acqua minerale che nasce dai ghiacciai della Valtellina, che ha reso noti i risultati sull'evoluzione dell'unico ghiacciaio appenninico, quello del Calderone appunto, situato in Abruzzo, sul versante nord del Gran Sasso d'Italia.
Questi dati vanno ad aggiungersi ad un'analisi dettagliata dei ghiacciai lombardi e piemontesi, avvenuta lo scorso anno, e rappresentano un ulteriore passo avanti nella realizzazione del nuovo catasto nazionale dei ghiacciai, che vedra' il suo completamento entro la prima meta' del 2014. Il progetto di ricerca vede la collaborazione del Comitato Ev-K2-CNR e del Comitato Glaciologico Italiano e ha l'obiettivo di monitorare lo "stato di salute" del cuore freddo delle nostre montagne, principale indicatore dei cambiamenti climatici in atto.
Il Calderone, pur nella sua nuova classificazione, sopravvive e resta un "geosito" di alto livello culturale, patrimonio paesaggistico e luogo iconico delle trasformazioni in atto nell'ambiente naturale della montagna. Negli anni '50 del XX secolo, il Calderone, l'unico ghiacciaio presente in Abruzzo e sull'intera catena appenninica, fu inserito nel primo catasto nazionale dei ghiacciai, realizzato dal Comitato Glaciologico Italiano (1959-1962), e fu classificato proprio come "ghiacciaio", con una superficie di 0,06 km quadrati e chiari segni di flusso, come piccoli crepacci, cioe' fratture della superficie glaciale dovute al movimento.
«Dalla meta' degli anni '50 ad oggi - spiega Claudio Smiraglia, professore ed esperto glaciologo dell'Universita' degli Studi di Milano, a capo del progetto di ricerca - il Calderone si e' ridotto in superficie (oggi copre 0,04 km quadrati) e spessore, il settore inferiore si e' ricoperto di uno spesso strato di detriti e, nel 2000, si e' frammentato in due porzioni ormai prive di evidenze di flusso».