POLITICA

Consiglio: Abruzzo; sì a variazione bilancio di circa 7 mln

D’Alessandro (Pd): «maggioranza cialtrona, abbiamo garantito noi maggioranza»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1758

Consiglio: Abruzzo; sì a variazione bilancio di circa 7 mln




L'AQUILA. Il Consiglio regionale ha approvato in serata una variazione di bilancio di circa 7 milioni di euro dopo due giorni di accesa discussione.
In serata la situazione si è sbloccata e sono ripresi i lavori fino all'approvazione con i voti favorevoli della maggioranza e quelli contrari delle opposizioni insoddisfatte, tra l'Unione di centro che ha votato sì. Da quanto si è appreso, i fondi per la copertura sono stati trovati tra gli avanzi di esercizio nel settore personale. Prima di arrivare alla quadratura, tuttavia, c'è stato un muro contro muro su aspetti tecnici e politici. Nei prossimi giorni comincerà infine la sessione di bilancio che tradizionalmente chiude l'anno politico di palazzo dell'Emiciclo.
Tra le voci finanziate, Fondo sociale regionale 2,1 milioni di euro, Programma di riqualificazione urbana 1,5 milioni, contributi ai consorzi di ricerca Cotir Crab Crivea 800 mila, marineria pescarese 650 mila, liquidazione Abruzzo Engineering 500 mila, Protezione civile regionale 400 mila, Consorzio industriale L'Aquila 190 mila, liquidazione Abruzzo Lavoro 170 mila, Ente porto di Ortona 160 mila, Ente Fiera di Lanciano 150 mila, legge 15 attività culturali 150 mila, legge 5 teatro di prosa 150 mila, Arssa 77 mila, scuola materna comunale di Poggiofiorito (Chieti) 70 mila, Enoteca regionale 55 mila.
«Questa volta per una importante variazione di bilancio che stanzia risorse per sociale, cultura, agricoltura la maggioranza non c'era», ha scritto su Facebook Camillo D’Alessandro, capogruppo del Pd. «Abbiano deciso, come opposizione, di garantire noi il numero legale consentendo l'approvazione di alcune risposte per l'Abruzzo e gli abruzzesi, che la maggioranza, ormai ex, cialtrona ed irresponsabile, non fa più da molto, troppo tempo. Chiodi affonda l'Abruzzo»