LO SCIOPERO

Arpa, sciopero il 16 dicembre: «incertezze sul solidità della società»

Filt Cgil Abruzzo chiede tavolo di confronto con l’assessore regionale ai trasporti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1602

Arpa, sciopero il 16 dicembre: «incertezze sul solidità della società»




ABRUZZO. La Filt Cgil Abruzzo ha deciso di proclamare lo sciopero di 4 ore dei dipendenti Arpa per il prossimo 16 dicembre.
«Non c'è chiarezza sulla solidità e sul futuro della società», denuncia il sindacato.
«La “polveriera” dei conti dell’Arpa e le similitudini con i fatti dell'Amt di Genova, ci hanno indotto a mobilitare i lavoratori e a chiedere un tavolo specifico di confronto con l’assessorato regionale ai trasporti sulle reali condizioni della principale azienda abruzzese di trasporto.
«I freddi e incontestabili numeri dei bilanci pubblici degli ultimi anni», denuncia il sindacato, «stanno lì a rappresentarci un'impresa pesantemente indebitata e con perdite di esercizio in costante e progressivo aumento tali da pregiudicare lo stesso capitale sociale che ammonta a 8.990.000 euro. Un trend negativo che peraltro, sembra non arrestarsi ed andare nella stessa direzione anche per l'anno in corso.

Il sindacato contesta che il negativo dell’operato di amministratori, dirigenti e organi di controllo e vigilanza sia stato «pesantemente fatto pagare ai dipendenti di Arpa attraverso il taglio di cento posti di lavoro e la contestuale riduzione del costo della manodopera ridimensionatosi - solo nell'ultimo anno - di quasi 2mln di euro. E mentre hanno cercato costantemente di convincerci che le condizioni di difficoltà economica dell'impresa rendevano necessario un ridimensionamento dei salari, quegli stessi amministratori erogavano indecorosamente ai dirigenti aziendali, cospicui premi legati ai risultati».
Sulla scia di quanto accaduto a Genova , il sottosegretario ai Trasporti, Erasmo D’Angelis, ha affermato che «oltre il 40% delle aziende di trasporto locale, delle 1150 presenti, può portare i libri in tribunale perché sono tecnicamente fallite, morte, al collasso e con indebitamenti record».
«Abbiamo l’urgente obbligo», dice la Filt, «di capire direttamente dalla Regione Abruzzo se anche Arpa Spa - principale azienda regionale di trasporto – è riconducibile tra queste aziende che si trovano sull’orlo del baratro. Chiediamo pertanto all’Assessore regionale ai trasporti Morra di attivare con le Organizzazioni Sindacali un tavolo specifico di confronto per accertare da un lato le reali condizioni in cui versa Arpa e, dall’altro, per individuare quei provvedimenti necessari ed urgenti a fornire immediate risposte alla grave carenza di personale addetto alla guida».