NATURA SCONOSCIUTA

Filamenti “misteriosi” dal cielo avvistati in Abruzzo. Wwf: «vi sveliamo cosa sono»

Avvistati in tutta Italia e nelle scorse settimane anche nel Chietino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5503

Filamenti “misteriosi” dal cielo avvistati in Abruzzo. Wwf: «vi sveliamo cosa sono»




ABRUZZO. Nei giorni scorsi in varie località d’Abruzzo sono stati segnalati “misteriosi filamenti bianchi” e “inspiegabili fiocchi” “caduti dal cielo”.
Un fenomeno che ha generato allarme tra i cittadini e anche in qualche amministratore pubblico. Per cercare una spiegazione sono state avanzate le più fantasiose ipotesi, dai residui di “scie chimiche” lasciate da aerei in transito a quelli di prodotti utilizzati per modificare il clima, da generici prodotti inquinanti sino agli immancabili UFO.
Questi filamenti bianchi, lunghi anche diversi metri e appiccicosi, che qualcuno ha correttamente definito “simili a quelli delle ragnatele”, sono, appunto, svela il Wwf, dei filamenti di ragnatela utilizzati nelle calde giornate d’autunno da diverse specie di ragni per lasciarsi trasportare dal vento e colonizzare nuovi territori. Sui filamenti sono presenti infatti uno o più spesso numerosi ragnetti. «Un fenomeno di dispersione», spiegano gli esponenti dell’associazione ambientalista, «che si ripete nelle zone di campagna tipicamente tra ottobre e novembre e che ogni anno genera allarme in qualche parte d’Italia benché si tratti di un fenomeno noto da oltre 2000 anni e del quale aveva parlato persino Aristotele individuando correttamente l’origine dei filamenti».
«Stiano tranquilli i cittadini, almeno per questo fenomeno (noto come “spider balooning”): sono ben altri», dichiara il presidente del WWF Abruzzo Luciano Di Tizio, «gli inquinanti che devono preoccuparci, dal traffico eccessivo nelle città alle raffinerie petrolifere, dalle industrie che non rispettano le norme di legge alla proliferazione dei rifiuti… Per tutte queste cose sì che vale la pena di preoccuparsi e di chiedere alle autorità di intervenire, I ragni in migrazione, almeno quelli, problemi non ne danno di sicuro».