POLITICA

Pineto; dimissioni 10 consiglieri, Monticelli sfiduciato

Arriverà un commissario prefettizio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3777

Pineto; dimissioni 10 consiglieri, Monticelli sfiduciato

Luciano Monticelli




PINETO. Il sindaco di Pineto (Teramo), Luciano Monticelli, è stato sfiduciato a causa delle dimissioni di oltre il 50% dei consiglieri comunali (dieci in tutto) e anche dell'assessore Filippo D'Agostino.
Nei prossimi giorni arriverà quindi la nomina di un commissario prefettizio che dovrà anche affrontare la questione del bilancio, che non era stato ancora approvato dal consiglio comunale.
Monticelli, in corsa per le primarie del Pd dalle quali dovrà uscire fuori il candidato del centrosinistra per le prossime regionali, si è detto sereno spiegando di aver sempre lavorato per il bene del suo Comune e di non aver mai ceduto a ricatti politici. Non nasconde l’amarezza per la posizione del suo assessore che viene definito «politicamente morto».
«La crisi nata nella ormai ex maggioranza non poteva che concludersi con la caduta definitiva del sindaco e della giunta», commenta invece il gruppo di Sinistra Ecologia e Libertà che è all’opposizione.
«Il secondo mandato di Monticelli», sostiene ancora Sel in una nota, «ha disatteso in buona parte il programma della defunta Pineto Democratica, è stato caratterizzato da una gestione autoritaria e personalistica del potere amministrativo, ha visto la rottura del centro-sinistra e il passaggio all’opposizione di Sel che con coerenza e spirito costruttivo ha comunque portato avanti in consiglio le sue proposte sempre all’insegna del buonsenso e dell’innovazione. Ci auguriamo che dopo questo clamoroso fallimento la corsa per le regionali di un sindaco sfiduciato e azzoppato politicamente come è Monticelli si interrompa. Adesso bisogna aprire una pagina nuova per Pineto».
Solo due giorni fa con la mancanza del numero legale in Consiglio era apparso chiaro che Monticelli non avesse più a disposizioni i numeri per andare avanti. Poi nel pomeriggio di giovedì la svolta con queste dimissioni che chiudono definitivamente il secondo mandato del sindaco.