INDIETRO TUTTA

Abruzzo. Bando ufficio stampa, la Regione annulla il concorso: «ora dobbiamo risparmiare»

Nei giorni scorsi le contestazioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2708

Nazario Pagano

Nazario Pagano




ABRUZZO. Dopo le contestazioni e la diffida del sindacato dei dirigenti e i dubbi arrivati anche in aula, esplicitati da un esponente della maggioranza, la Regione non poteva fare altrimenti.
L’Ente ha deciso di alzare bandiera bianca, di indietreggiare, di ammettere che qualcosa probabilmente non funzionava.
Ah, no. Non è andata così. Il bando contestato per un posto da dirigente della Struttura speciale di Supporto stampa è stato annullato perché improvvisamente il presidente del Consiglio regionale Nazario Pagano si è accorto che c’è la spending review e quindi quel concorso è meglio tagliarlo, perché bisogna risparmiare. («Ho letto con attenzione il bilancio di previsione del prossimo anno e rilevo che su alcuni costi è possibile ancora incidere significativamente»).
E per lo stesso motivo è stata tagliata proprio la posizione dirigenziale che bisognava coprire, segno evidente che il concorso non rispunterà fuori a breve. Così come verrà tagliata la posizione dirigenziale presso il Servizio tecnico. A questi tagli seguirà anche quello del dirigente di servizio Affari Assembleari (al momento del pensionamento del dirigente attualmente in carica).

«Tutto ciò comporterà», spiega Pagano nella lettera inviata al direttore Attività amministrative, Paolo Costanzi al quale si chiede di predisporre gli atti per la soppressione e l’annullamento del concorso, «una riduzione della speda nell’ordine di circa 350 mila euro».
Nei giorni scorsi il sindacato dei dirigenti aveva parlato di concorso illegittimo e chiesto alla regione di bloccare la selezione pubblica. Tra le contestazioni quella di non aver portato a termine, prima di indire il bando, il procedimento di mobilità. Se ne faceva espressa menzione anche nell’art. 12 del bando dove si riconduce l’espletamento della mobilità ad una semplice riserva collegata alla possibilità di non procedere alla copertura del posto. Qualche giorno prima anche il consigliere di maggioranza Giuseppe Tagliente aveva chiesto alla Regione di tornare sui propri passi.
a.l.

ABRUZZO. REVOCA CONCORSO DIRIGENTE UFFICIO STAMPA