PRIMARIE PD

Abruzzo. Segreterie Provinciali Pd, 14 in corsa per 4 posti

A Chieti un solo candidato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2684

Abruzzo. Segreterie Provinciali Pd, 14 in corsa per 4 posti

ABRUZZO. Dal 14 ottobre al 6 novembre si svolgeranno i congressi territoriali e provinciali del Partito Democratico in Abruzzo.
L’11 ottobre scorso sono scaduti i termini per presentare la propria candidatura. In corsa ci sono 14 aspiranti segretari provinciali, i posti sono solo 4.
Le Assemblee di circolo sono convocate dal 14 ottobre al 6 novembre 2013. Entro l’8 novembre bisognerà eleggere i segretari. In provincia di Chieti si è candidata solo Chiara Zappalorto, già vicesegretario provinciale del partito teatino.
Tre, invece, i candidati che se la giocano nella provincia de L’Aquila: c’è Mario Mazzetti,55 anni, ex sindaco di Carsoli e tra i fondatori del Partito Democratico nel suo Comune. Lui è il candidato da battere, ovvero il segretario uscente. In lista anche Francesco Piacente, l’attuale vice presidente provinciale e assessore al Bilancio nel Comune di Capistrello.
Il terzo nome è quello di Stefano Albano, 24 anni, segretario del Pd dell'Aquila.
A Pescara se la giocano in 4 per sostituire l’uscente Antonio Castricone. C’è il consigliere comunale Gianluca Fusilli che gode del benestare di Luciano D’Alfonso, il renziano capogruppo della Circoscrizione Porta Nuova Giacomo Cuzzi, il segretario dei Giovani democratici Luigi Di Marco e la responsabile delle donne del Pd, Francesca Ciafardini.
A Teramo, invece, la sfida è ben più affollata e sono 6 ai blocchi di partenza. Chi sostituirà l’uscente Robert Verrocchio? C’è il sindaco di Cortino Gabriele Minosse ma anche il responsabile Immigrazione del Pd provinciale Mahmoud Tosson. Lui a dicembre scorso si è ritirato quasi a tempo scaduto dalle parlamentarie e ora aspira al posto di segretario.
Dovrà scontrarsi anche con il sindaco di Mosciano, ex Pci, con il coordinatore del comitato provinciale per Matteo Renzi Orazio Di Marcello, con Vincenzo Di Marco, con l’ex sindaco di Controguerra Mauro Scarpantonio e con l’assessore di Montorio Marco Citerei.