SPORT E TURSIMO

Abruzzo, la Regione adesso punta sul turismo da diporto

Siglato accordo con Lega navale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3394

Abruzzo, la Regione adesso punta sul turismo da diporto


ABRUZZO. Lega Navale Italiana e Regione Abruzzo insieme per promuovere il turismo nautico e la cultura dell'ambiente marino.
Ieri mattina, nella sede di Ortona della Lega Navale Italiana, l'assessore Regionale al Turismo ed all'Ambiente, Mauro Di Dalmazio, ed il presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Ammiraglio Franco Paoli, hanno firmato un protocollo d'intesa.
La convenzione mira ad individuare strumenti di collaborazione tra le sezioni abruzzesi della Lega Navale Italiana e la Regione Abruzzo al fine di promuovere iniziative tese a far conoscere e valorizzare le risorse territoriali costiere e dell'entroterra al fine di intercettare il turista nautico di transito negli approdi della regione.
«Con questo protocollo d’intesa», ha precisato l’assessore Regionale Di Dalmazio, «la Lega Navale Italiana offre una grande opportunità alla Regione Abruzzo. Si crea un’importante sinergia istituzionale in materia di politica del turismo del mare e dei laghi». «Erroneamente», ha precisato Di Dalmazio, «il turismo da diporto viene considerato un prodotto di nicchia. Al contrario, esso ha un indotto di notevole portata».
Accordo finalizzato anche alla realizzazione di progetti di ricerca, conferenze e convegni in materia di economia, di tutela dell'ambiente marino, di sicurezza in mare e di addestramento alle attività marinaresche.
La cultura marinaresca riscopre le sue origini e, rispettosa dell'ambiente marino, viene divulgata attraverso iniziative rivolte anche ai più giovani ed alle fasce sociali più deboli.
«Potrebbe risultare strano ai più», ha sottolineato l’ammiraglio Paoli, presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, «ma noi non conosciamo il mare ed il protocollo siglato questa mattina con la Regione Abruzzo tende anche ad approfondire questa conoscenza per un maggiore rispetto dell’ambiente marino ed una maggiore sicurezza in mare».
Infatti, la conoscenza dell'ecologia del mare e del suo ecosistema risultano indispensabili per sviluppare iniziative turistiche sostenibili ed eco compatibili.