FONDI PUBBLICI

Abruzzo. Imprese:14 mln ai Confidi. Castiglione: «necessaria fusione»

«Finanziamenti suddivisi in 4 annualità»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1318

Alfredo Castiglione

Alfredo Castiglione

PESCARA. Quattordici milioni di euro serviranno a rafforzare il capitale sociale dei confidi abruzzesi, attraverso l'aumento gratuito delle quote sociali delle micro, piccole e medie imprese, iscritte ai Confidi.
L'avviso pubblico, che sarà emanato il 27 settembre sul Burat, è stato illustrato dall'assessore allo Sviluppo economico, Alfredo Castiglione. «La nostra convinta attenzione alle politiche creditrici, come leva per lo sviluppo, non è mai venuta meno in questi anni di Governo regionale», ha spiegato Castiglione. «Potevamo scegliere altre strade, per esempio aderire al Fondo unico nazionale di garanzia ed invece abbiamo preferito essere vicini a quelle che riteniamo cerniere tra chi produce e il territorio».
L'assessore ha poi aggiunto che ulteriori 10 milioni di euro, derivanti da economie o da ribassi d'asta, concorreranno all'implementazione complessiva del fondo di 14 milioni di euro. «Ora tocca ai confidi - ha concluso Castiglione - premere sulle politiche della fusione, strada necessaria a rafforzare e consolidare la rete del credito».
I quattordici milioni di euro saranno suddivisi in quattro annualità come segue: 11.900 milioni(2013); 958 mila (2014), 570 (2015); 570 (2016). Le risorse saranno specificamente destinate all'aumento gratuito di capitale sociale dei Confidi, le cui quote o azioni verranno assegnate in parti uguali in favore delle imprese che ne faranno richiesta e che siano iscritte o che intendano iscriversi ai Confidi stessi. L'accesso ai benefici è infatti subordinato all'acquisto del titolo di socio. Le imprese sono libere di scegliere un solo Confidi. Le domande dovranno essere presentate ai Confidi a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell'avviso sul Burat e fino al 31 dicembre 2013.