POLITICA E POLEMICHE

Abruzzo. «Nuovo scippo a L’Aquila». Scontro tra assessori della giunta regionale

Giuliante contro Castiglione: «non viene in Commissione Vigilanza»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2059

Giuliante

Giuliante




ABRUZZO. La sede legale di Sviluppo Italia Abruzzo da sempre con sede a L’Aquila viene spostata a Pescara.
Al tempo stesso da Pescara si chiederà la gestione dei fondi di Invitalia per una quota dei 40
milioni di Euro stanziati per il cratere sismico aquilano.
Protesta l’assessore regionale (aquilano) Gianfranco Giuliante che domanda: «siamo noi campanilisti o sono altri che scherzano col fuoco?»

Per l’esponente della giunta Chiodi «per l’ennesima volta e senza alcuna giustificazione» il capoluogo di Regione verrebbe in questo modo privato di strutture e risorse necessarie al suo sviluppo, sull’altare di una presunta razionalizzazione dei costi.
«Ci è capitato spesso di riflettere che il dramma del terremoto aquilano sia stato utilizzato come attrattore di fondi, ma in alcuni casi con la riserva mentale di utilizzarli altrove», denuncia l’assessore. Ultima in ordine di tempo proprio la decisione di chiudere la sede dell’Aquila di Sviluppo Italia Abruzzo. La motivazione ufficiale sarebbe quella di risparmiare circa 600 euro mese proprio quando nel capoluogo di Regione ci saranno da gestire i finanziamenti correlati alla Z.F.U. L’Aquila (“de minimis” - 90 milioni di Euro).


«Si sceglie», protesta Giuliante, «di chiudere la sede di una società che ha come “mission” quella di supportare progetti di sviluppo locale con particolare riferimento alla nascita e all’accompagnamento dello start-up di micro imprese e ditte individuali, e lo si fa proprio quando questa presenza sarebbe utilissima per un territorio che cerca disperatamente di risollevarsi. A ciò si deve aggiungere che, quasi a mo’ di sberleffo, l’assessore Regionale alle Attività Produttive Alfredo Castiglione ha preannunciato il trasferimento della sede legale di Sviluppo Italia Abruzzo a Pescara e contestualmente annuncia la richiesta ad Invitalia SPA di essere inseriti in “quota parte” nella gestione dei contratti di sviluppo locale ricadenti nel cratere sismico aquilano per 40 milioni di Euro. Castiglione che per la terza volta si sottrae alle convocazioni della Commissione di Vigilanza che lo convoca sull’argomento, da un lato chiede di partecipare alla gestione di fondi del cratere e dall’altro chiude la sede de L’Aquila, comunicando il trasferimento della sede legale a Pescara. Ancora una volta si giocano partite inquietanti.
E non finisce qui. Perché, riferisce sempre Giuliante, ci sarebbe anche una previsione di vendita immobiliare degli incubatori di Avezzano e Mosciano Sant’Angelo. «Si vende il patrimonio acquistato ad 1 € come conseguenza dell’inerzia sulle più volte annunciate e sempre rinviate ipotesi di rilancio aziendale», contesta l’assessore. «Si decide di non decidere, si blocca il progetto di fusione per incorporazione e nel contempo si creano condizioni di disparità di trattamento tra i diversi lavoratori alcuni pagati e altri lasciati indietro da mesi. Abbiamo chiesto e continuiamo a reiterare la richiesta di un immediato intervento del presidente Chiodi per limitare i danni di una gestione tanto approssimativa quanto poco credibile nelle scelte che si stanno effettuando».