PORTI

Abruzzo/ Goletta Verde di Legambiente: «serve piano regolatore dei porti»

«Modernizzare l’Abruzzo: rilanciare il sistema e l’economia dei territori»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1616

Abruzzo/ Goletta Verde di Legambiente: «serve piano regolatore dei porti»

Porto di Ortona




ABRUZZO. «La Regione Abruzzo rediga subito un piano regolatore generale della portualità e si faccia garante della costituzione di un soggetto coordinatore dei porti della nostra regione».
È l’appello lanciato da Legambiente a margine del convegno “Logistica e Ambiente: il ruolo dei porti abruzzesi nel sistema adriatico e mediterraneo”, svoltosi ieri mattina al Palazzo D’Avalos di Vasto, alla presenza dei rappresentanti delle amministrazioni regionali e dei comuni coinvolti, dell’Autorità marittima e di esperti del settore. L’appuntamento di questa mattina è l’ultimo previsto nel programma del tour abruzzese della Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente che salperà nel pomeriggio alla volta di Termoli.

Un’occasione, quella promossa da Legambiente Abruzzo, per discutere di un piano integrato dei porti del territorio, coinvolgendo tutte le realtà istituzionali, economiche e produttive per avviare così un sistema di portualità regionale che sia sostenibile ambientalmente ed economicamente, moderno, duraturo e soprattutto sappia coniugare la pianificazione portuale con quella delle città. Creare, insomma, un “sistema” che possa legare le esigenze di manutenzione e dragaggio in un piano di costi e infrastrutture complessivo che rilanci le rotte dell’Adriatico e del Mediterraneo.

«La Regione Abruzzo continua a non avere una visione complessiva della gestione dei porti e questa carenza di una quadro d’insieme non è più tollerabile se si vuole realmente rilanciare l’economia marittima abruzzese nell’interesse generale e nella tutela dell’ambiente – dichiara Angelo di Matteo, presidente di Legambiente Abruzzo – Modernizzare un Paese non significa solo costruire infrastrutture, che rischiano di trasformarsi in cattedrali nel deserto, ma intercettare e comprendere la vocalizzazione dei singoli territori, settorializzando i porti esistenti e valorizzando le realtà produttive locali. L’attuale frammentazione deve essere superata e per fare questo è necessario che la Regione, insieme agli attori che Legambiente questa mattina ha riunito intorno al tavolo della discussione, si faccia garante del coordinamento degli scali marittimi abruzzesi, promuovendo un piano regionale che sappia veicolare i traffici e interagisca con la stessa pianificazione urbanistica delle città».