SPESA PUBBLICA

Abruzzo/ Cancellazione doppi vitalizi, Acerbo: «in arrivo colpo di mano del Pdl»

Un emendamento presentato da Venturoni salverebbe una parte della Casta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2156

Abruzzo/ Cancellazione doppi vitalizi, Acerbo: «in arrivo colpo di mano del Pdl»




ABRUZZO. E’ scaduto giovedì il termine per la presentazione degli emendamenti alla proposta di legge per lo stop ai doppi vitalizi presentata dal consigliere regionale di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo.
Martedì il documento, dopo vari rinvii più o meno tecnici, arriverà in aula e il Consiglio regionale d’Abruzzo dovrà prendere una posizione chiara.
Attualmente il Consiglio regionale spende 320.084 euro netti per il pagamento dei vitalizi, compresi gli assegni di reversibilità per i coniugi dei consiglieri deceduti, per un costo annuo di 5.713.843,54
La proposta di Acerbo è quella di cancellare la possibilità di cumulare il vitalizio di ex-consigliere regionale con quello di ex-parlamentare.
In pratica se un ex-consigliere regionale matura il vitalizio anche in qualità di parlamentare non percepirà più entrambi i trattamenti come accade attualmente. Tra gli emendamenti presentati Acerbo punta il dito contro quello presentato dal capogruppo Pdl Lanfranco Venturoni che sostanzialmente neutralizza la proposta dell’esponente di Rifondazione.


L'emendamento Venturoni prevede infatti che la norma non si applichi a chi percepisce il doppio vitalizio alla data di entrata in vigore della legge.
«Se questa è la posizione del PDL ritengo che sarebbe più serio e coerente votare contro e bocciare la mia proposta non taroccarla magari trasformandola nel suo contrario», spiega Acerbo.
«E' evidente che in Abruzzo è facile tagliare i diritti dei cittadini ma rimane un tabù colpire i privilegi».
La maggioranza di centrodestra si riunirà lunedì per discutere della questione e decidere quale posizione assumere.
Ma se Acerbo definisce «inquietante» la manovra del Pdl, non salva nemmeno il Pd che sarebbe rimasto in colpevole silenzio non avendo votato in commissione il provvedimento.
Per smontare argomentazioni come quelle relative al pericolo di mettere in mezzo a una strada i beneficiari di doppio vitalizio vittime «dell'integralismo» di Rifondazione Comunista Acerbo ha presentato un emendamento che garantirà comunque che il trattamento complessivo non scenda al di sotto dei 3.500 euro lordi. «Mi sembrano più che sufficienti a garantire una serena vecchiaia agli ex-consiglieri e alle loro famiglie», spiega Acerbo. Basterà per convincerli?


a.l.